Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
3 febbraio 2015 2 03 /02 /febbraio /2015 16:21

Unbroken (trailer ufficiale). Il film di Angelina Jolie che racconta la storia di resistenza e di coraggio di Louis Zamperini

(Maurizio Crispi) A fine gennaio 2015 é stato lanciato nelle sale cinematografiche italiane  il film di Angelina Jolie, Unbroken, "una storia di resistenza e di coraggio" che racconta la storia vera di Louis Zamperini, grande esponente della corsa di mezzofondo statunitense e mondiale negli anni dell'anteguerra e titolare per molti anni del record sul miglio (con 4'08"). La sua aspirazione di scendere sotto i fatidici 4' venne per sempre interrotta dall'esordio della II Guerra Mondiale. Il film di Angelina Jolie (alla sua seconda fatica come regista), si ispira sia ad un diretto rapporto di conoscenza con lo stesso Louis Zamperini che, diverse volte é intervenuto sul set, nella fase di realizzazione della pellicola e che ha partecipato ad interviste congiunte in corso d'opera, sia al romanzo biografico di Laura Hillenbrand, Sono ancora un uomo. Una storia epica di resistenza e di coraggio (titolo originale: Unbroken. A True World War II Story of Survival, Resilience, and Redemption), pubblicato da Mondadori nel 2012.

Il film, come il libro cui si ispira (che è stato preceduto da un altro volume, scritto dallo stesso Zamperini assieme a David Rensin, Sopravvissuto. La vita dell'atleta olimpionico, eroe di guerra e sopravvissuto alla prigionia giapponese (pubblicato in lingua italiana solo nel 2015, da Newton Compton), è naturalmente una "storia morale" e va visto (o letto), avendo bene impresso in mente il messaggio che vuole veicolare: il fatto che Zamperini, temprato dalla paratica sportiva ad essere "resistente" (oggi si direbbe più appropriatamente "resiliente") è stato capace di affrontare con stoicità, coraggio e abnegazione le dure prove che la vita gli ha riservato al posto dell'ambita partecipazione ai Giochi olimpici di Tokyo che avrebbero dovuto avere luogo nel 1940 e che furono annullati a causa dello scoppio del conflitto mondiale.
Prove che furono durissime e sfibranti, alle quali riuscì a sopravvissere senza mai dire "Basta, non ce la faccio più" e senza lasciarsi spezzare.
La storia di Zamperini non si esaurì con la fine della II Guerra Mondiale: ci fu un lieto fine, ovviamente, con il ritorno a casa, con il ricongiungimento con la famiglia, con il matrimonio e la nascita dei figli. Ma poi Zamperini fu sopraffatto - in seconda battuta - da quello che oggi viene definito "Disturbo Post-Traumatico da Stress" e scivolò nell'etilismo, dal quale ciò nondimeno si riprese, grazie al supporto della nascente organizzazione degli Alcolisti Anonimi, per poi avviare delle attività di supporto agli adulti in difficoltà, attingendo aslle sue esperienze di sportivo e utilizzando il potenziale aggregante, risocializzante ed anche di lenimento psichico delle attività all'area aperta.
E, tal fine, fondò un'associazione benefica, attraverso la quale furono molti quelli da lui "salvati".
Ma nello stesso tempo, sia per le necessità dell'Associazione da lui fondata, sia per il suo piacere/benessere personali continuò a praticare sino a tarda età molte e disparate attività sportive, come il trekking e l'arrampicata su roccia.
Egli divenne - a causa di questo complesso percorso - un punto di riferimento e un esempio positivo per molti tanto che, negli ultimi anni della sua vita, riceveva giornalmente centinaia di lettere inviate da persone in difficolotà o prostrate che gli chiedevano consigli e vie da seguire; e a molte delle  rispose che egli invio per iscritto, furono raccolte per "tematiche" in un libro scritto anche questo in collaborazione con David Rensin, dal titolo Vivi! La vita che vuoi (titolo originale: Don't Give Up, Don't Give In, pubblicato in traduzione italiana da Piemme nel 2015.
Il suo successo come "guida" delle persone in difficoltà fu dovuto al fatto che egli coniugò le sue esperienze presso gli AA e il recupero di una forte e profonda convinzione fideistica, con la sua esperienza di sportivo dotato e resiliente, capace di affrontare le più difficili prove con abnegazione, non disgiunta dal tener una salda presa sui valori della solidarietà tra uomini.
Si convinse ad esempio dell'importanza del "perdono" nei confronti di coloro che ci abbiano fatto del male: e, questo riguardo, in occasione del suo viaggio in Giappone, cercò di incontrare quelli tra i suoi aguzzini che erano sopravvissuti, per dire loro che non serbava rancore per il male che gli avevano fatto e per dire che li perdonava. Solo il maggiore dei suoi tormentatori il sergente Mutsuhiro "The Bird" Watanabe, sfuggito alla condanna come criminale di guerra per via delle amicizie altolocate della sua famiglia, si rifiutò di incontrarlo.
Coronò infatto il suo sogno di andare a Tokyo per un Olimpiade: infatti, in occasione dei Giochi Olimpici Invernali che si tennero a Nagano in Giappone nel 2008, fu uno dei Tedofori che portarono la fiaccola olimpica per le vie di Tokyo, acclamato da due ali di folla.
Purtroppo, il film, a mio giudizio, da poco risalto alla sua carriera di atleta e alle esperienze successive di caduta e di "resistenza che avrebbero dato al film qualcosa in più nell'illustrare in modo più convincente la dimensione della "resilienza" in situazioni estreme.
Lo sforzo, peraltro encomiabile, di Angelina Jolie, si traduce principalmente in una storia di guerra e, in particolare, in una vicenda ambientata in un POW (Prisoner of War) camp negli scenari di guerra in Estremo Oriente e nel Pacifico, divenendo così l'ultimo prodotto di un fertile filone dal quale sono scaturiti film come Il Ponte sul Fiume Kwai (tratto dal romanzo omonimo di Pierre Boulle), Furyo (meglio conosciuto con il titolo in lingua originale di Merry Christmas, Mr Lawrence) dal romanzo di Laurens van der Post, L'impero del Sole di Steven Spielberg, tratto dall'omonimo romanzo parzialmente autobiografico di James Ballard. E, anche guardandolo in questa luce, il film della Jolie non sfigura: ma in fondo tutti i film citati offrono allo spettatore delle storie di resilienza. 
La vera ed unica originalità della storia di Louis Zamperini è andata però in dissolvenza, ma in ogni caso è da vedere: Per quanto sintetica, lparte della storia che riguarda la crescita di Zamperini come atleta é appassionante.

 

(da Wikipedia) Nato a Olean, nello stato di New York, da genitori italiani, Louis Zamperini ha iniziato la sua carriera sportiva nel 1932, praticando lo sci di fondo. Passato all'atletica, nel corso degli ultimi tre anni di liceo rimase imbattuto dopo aver stabilito diversi record.
Nel 1934, Zamperini stabilisce il record mondiale interscolastico del miglio col tempo di 4'21"2. Successivamente partecipa e vince il campionato CIF California State con il tempo di 4'27"8. Questa vittoria gli permise di ottenere una borsa di studio per la University of Southern California.
Nel 1936, Zamperini decide di provare a qualificarsi per le Olimpiadi. Gli atleti dovevano pagarsi il viaggio per partecipare ai Trials olimpici, ma dal momento che suo padre lavorava per la ferrovia, Louis ottenne un biglietto gratis del treno, mentre un gruppo di commercianti di Torrance contribuì con una colletta per consentire all'eroe locale di mantenersi una volta giunto a destinazione.
Sui 1500 metri piani Zamperini era chiuso dalla presenza della medaglia d'argento Glenn Cunningham, Archie San Romani e Gene Venzke, pertando decise di correre, pur essendo senza esperienza, sui 5000 m piani, arrivando ex aequo col primatista statunitense Don Lash, e qualificandosi a soli 19 anni e 178 giorni, primato che ne fa il più giovane statunitense a partecipare alle Olimpiadi in questa specialità.
Né Zamperini né Lash erano accreditati come possibile vincitori dei 5000 m piani ai Giochi olimpici di Berlino, data la presenza del detentore del record mondiale Lauri Lehtinen. Zamperini riuscì dapprima a superare la batteria, preceduto dallo stesso Lehtinen e dal giapponese Kohei Murakoso, eliminando l'italiano Salvatore Mastroieni.
In finale concluse all'ottavo posto, dopo aver effettuato un eccellente ultimo giro in 56 secondi, che catturò le attenzioni di Adolf Hitler, che insistette per un incontro personale. Come Zamperini raccontò, Hitler strinse la sua mano e disse semplicemente: "Ah, tu sei il ragazzo con il finale veloce". La gara fu vinta dall'altro campione finlandese Gunnar Höckert; davanti a Zamperini conclusero tra gli altri lo stesso giapponese Murakoso e l'italiano Umberto Cerati tra i favoriti avendo vinto la prima batteria.
Zamperini ha poi legato alcuni aneddoti della sua esperienza olimpica, tra cui quello riguardante il viaggio in nave verso l'Europa: "Ero un ragazzino depresso. Tutto il cibo era libero. Non ho avuto solo un rotolo di dolce, ma circa sette ogni mattina, con uova e pancetta. I miei occhi erano come piattini". Alla fine del viaggio Zamperini, come la maggior parte degli atleti presenti sulla nave, aveva infatti guadagnato un bel po' di peso, per la precisione 5 kg. Un aumento di peso ad ogni modo utile per la sua salute, avendo perso in precedenza 7 kg durante gli allenamenti per i Trials olimpici nella calura estiva di New York.
Nel 1940, svanito il sogno di partecipare alle Olimpiadi di Tokyo a causa del secondo conflitto mondiale, fu arruolato come bombardiere nell'aviazione. Nel 1942 in un incidente aereo precipitò nell'Oceano Pacifico col suo B-24, resistendo per ben 47 giorni all'inclemenza del tempo, alla furia delle acque e ai proiettili giapponesi, cibandosi di solo pesce crudo assieme ad altri due commilitoni, di cui uno che non sopravvisse.
Dopo 47 giorni fu catturato dalla marina giapponese e deportato in una prigione militare comandata dal feroce sergente Watanabe che lo sottopose a numerose umiliazioni personali, forse ispirato dalla rivalità che Zamperini ebbe con Kohei Murakoso [in occasione dei Giochi olimpici di Berlino].
Zamperini, eroe di guerra, sopravvisse ad ogni tipo di tortura, per far poi ritorno in patria al termine del conflitto. Tornò successivamente a Tokyo, all'età di 80 anni, portando per un tratto la torcia olimpica in occasione dei Giochi olimpici invernali di Nagano 1998.
Morto nel 2014, è stato ricordato dapprima in un libro da Laura Hillenbrand e successivamente da Angelina Jolie, nelle vesti di regista, nell'omonimo film Unbroken.

La locandina di Unbroken, il film di Angelina Jolie

La locandina di Unbroken, il film di Angelina Jolie

Louis Zamperini nel 2014 poco prima della morte

Louis Zamperini nel 2014 poco prima della morte

Louis Zamperini con Angelina Jolie

Louis Zamperini con Angelina Jolie

A great story from Fox News' "Special Report" 12/23/2010

Intervista con Mutsuhiro "The Bird" Watanabe

Louis Silvie "Louie" Zamperini (January 26, 1917 – July 2, 2014) was an American World War II prisoner of war survivor, inspirational speaker, and Olympic distance runner. He is the subject of the 2014 film Unbroken directed by Angelina Jolie.

Condividi post
Repost0

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche