Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
16 luglio 2015 4 16 /07 /luglio /2015 05:45
6 ore Capo d'Orlando by Night (1^ ed.). L'aftermath di una gara è ricco di emozioni: Cinzia Sonsogno, organizzatrice, dice le sue

L'aftermath di una gara è ricco di emozioni e di stati d'animo espressi, non solo da parte degli atleti che vi hanno partecipato, ma - e soprattutto - da parte di coloro che li hanno organizzati, soprattutto se si tratta di "organizzatori per passione".
Cinzia Sonsogno, alla guida della ASD Podistica Capo d'Orlando (società organizzatrice della 6 ore Capo d'Orlando by Night che, alla sua prima edizione, si è svolta lo scorso 11 luglio 2015, esprime le sue emozioni nel dopo-gara, ringraziando tutti coloro che hanno reso possibile la manifestazione orlandina, decretandone il successo, malgrado l'afa.
E all'eccitazione, alla frenesia, alla concitazione dei momenti di gara, quando - dal punto di vista dell'organizzatore - si affastellano problemi e piccole difficoltà che richiedono aggiustamenti, rettifiche, soluzioni, fa seguito un momento di quiete e di silenzio e, proprio attraverso questo silenzio, emergono assordanti emozioni.

Ecco di seguito le sue parole.

Percorro il lungomare Ligabue, le palme si stagliano alte ai lati della strada, decine di auto parcheggiate, i bagnanti sulla spiaggia, i giochi dei bimbi in acqua, ma tutto mi pare così vuoto... desolato.
Mi vengono i brividi, giungono le lacrime, quelle delle grandi assenze.
Ho vissuto con grande intensità questi mesi precedenti l'11 luglio, con grande lucidità le ore della gara affinché tutto si svolgesse nel migliore dei modi e i disagi per gli atleti fossero i minori possibili.
Come un dittatore mando a destra e sinistra i miei compagni di società, i miei familiari e i volontari, a volte con toni pacati, ma il più delle volte con toni perentori e di questo chiedo SCUSA, anche se so e i loro occhi lo dicono.... comprendono il momento, come sanno che per essi nutro profonda riconoscenza.Oggi nel grande vuoto che sento, perché non ritrovo visi sorridenti, volti sudati....sfatti dalla fatica, volti di amici, volti di atleti che ho conosciuto alle tante gare; stranamente, però, mi sento VIVA.
Viva nella misura in cui il pianto liberatorio dello scadere della 6^ ora, ha fatto crollare quel muro che avevo costruito tra me e chi mi sta accanto nella quotidianità, la mia famiglia.
Quotidianità fatta di silenzi, di assenze che pesano come macigni.
Oggi sono svuotata di forze , ma felice di aver ritrovato me stessa.

Cinzia Sonsogno

6 ore Capo d'Orlando by Night (1^ ed.). L'aftermath di una gara è ricco di emozioni: Cinzia Sonsogno, organizzatrice, dice le sue
Condividi post
Repost0
11 luglio 2015 6 11 /07 /luglio /2015 07:36
Sicily Coast2Coast Ultratrekking (1^ ed.). Un'esperienza forte ed intensa che rimarrà sempre con me (Giuseppe Di Adamo)
Sicily Coast2Coast Ultratrekking (1^ ed.). Un'esperienza forte ed intensa che rimarrà sempre con me (Giuseppe Di Adamo)

Dal 22 al 25 giugno 2015, gli intrepidi Salvatore Maira, Giusseppe Di Adamo e Pippo Ruggeri hanno compiuto la traversata della Sicilia coast to coast - a piedi, in autosufficienza - dal mare Jonio al Mar Tirreno. L'impresa di Trekking ha ricalcato un percorso già più volte percorso e consolidato in MTB che si svolge annualmente da diverso tempo (Sicilia Coast2Coast Extreme in MTB).
Salvatore Maira che, di qest'ultimo percorso in MTB, ha fatto diverse volte esperienza, ha voluto trasportare la stessa impresa al campo del trekking, denominando l'iniziativa "Sicily Coast2Coast Ultratrekking"
.
E l'impresa è andata a buon fine!
Quello che segue è il contributo di Giuseppe Di Adamo
.

(Giuseppe Di Adamo) La mia partecipazione al Sicilia Coast2Coast "Walk&Trail Experience Ultratrekking!" nasce da un incontro casuale con Totò Maria, durante un allenamento nel Parco della Favorita. Totò mi illustrò il progetto della traversata della Sicilia da Sud a Nord che avrebbe intrapreso nel mese di giugno, con la possibilità di farlo in solitaria visto che, fino ad allora, nessuno aveva aderito alla sua proposta. Nel pomeriggio mi studiai il materiale che mi aveva inviato e la sera stessa decisi di accompagnarlo in questa impresa, comunicandogli la mia partecipazione.

In un secondo momento la spedizione divenne più numerosa con il coinvolgimento di Pippo Ruggeri e l'adesione di Paolo Beccari in veste di fotografo in MTB, oltreché con la presenza di Franco Tedesco, ideatore e tracciatore della Sicilia Coast2Coast Extreme in MTB.

Fin da bambino avevo vissuto per bocca di mio nonno paterno, da cui fiero eredito il nome primo di battesimo, le sue traversate con gregge transumante quando, in altro millennio percorreva passo dopo passo centinaia di chilometri tra Abruzzo, Puglia e Lazio.
Mi si presentava quasi un secolo dopo la possibilità di chiudere il cerchio e cogliere questa opportunità è stato istinto che sovrasta la ragione.

Crescendo, questo patrimonio culturale familiare si è rafforzato in me e da adolescente la fascinazione per la percorrenza di grandi spazi e di lunghe distanze è stata sempre più forte, tanto che, da giovane ottocentista, volli partecipare senza allenamenti specifici alla Roma-Ostia: 33 km sull'asfalto romano, che percorsi con l'incoscienza di un tredicenne col cuore gonfio di gioia per quel gesto di estrema libertà. Da allora, anche se il corpo è rimasto quello di un mezzofondista, la testa mi ha sempre spinto per le lunghe distanze, dando continuo nutrimento a quel bambino che è ancora vivo in me.

Oltre che fungere da chiusura di un cerchio ideale con la mia storia personale, il C2C è stato momento di purificazione dalle gare di trail, dove la componente relativa al puro gesto atletico è troppo spesso relegata ai margini, sovrastata dal puro aspetto relativo alla prestazione.

L'idea di camminare per 17 ore al giorno, senza cronometro o classifica condizionanti, ha permesso durante la traversata di venire a contatto con la parte più ancestrale di me stesso. Essere tutt'uno col paesaggio circostante mi ha ripagato della tanta fatica fatta e lo scollinamento a Portella del Vento, appena sopra Alpecucco, rimarrà uno dei momenti più emozionanti che abbia mai vissuto.

Abbiamo attraversato pochissimi centri abitati, percorrendo per la maggior parte trazzere e luoghi adibiti al pascolo di animali e abbiamo vissuto le meraviglie di questa terra, troppo spesso abusata e maltrattata come fosse non bene comune ma cosa che non ci appartiene.

Momenti difficili ce ne sono stati, soprattutto quelli relativi al gran caldo, e li abbiamo superati anche grazie al pronto intervento di Paolo Beccari, nostro angelo custode, che in più occasioni ha fatto la spola per l'approvvigionamento dell'acqua. A lui rivolgo un grazie di cuore.

Come anche ringrazio i miei splendidi compagni di viaggio, ognuno con le proprie peculiarità. Percorrere con loro questo cammino è stata esperienza forte che rimarrà sempre in me. La condivisione delle difficoltà, i 215 km percorsi, le gran risate e le bevute di birra a fine giornata non potranno mai essere spiegate a parole.

Tutto ciò che abbiamo vissuto in questi tre giorni sposta il nostro limite un po' più in là, sempre più vicino a quel senso di libertà a cui tutti aneliamo.

Libertà che intendo come forma somma di disciplina.

Foto di Paolo Beccari

Foto di Paolo Beccari

Condividi post
Repost0
18 giugno 2015 4 18 /06 /giugno /2015 23:23

Venerdi pomeriggio mentre in macchina mi dirigevo verso casa di Pippo (che gentilmente mi ha ospitato), riflettendo tra una galleria e l’altra sulla Pa-Me mi sono reso conto di quanto bisogno ho di competizione, di cosa mi si scatena dentro alla vigilia di una gara, dell’agonismo che mi scorre nelle vene.
Vedevo quel gigante nero con un cappello bianco in testa e pensavo (“Domani salgo li sopra e ti tolgo questo cappello amica mia”), l’Etna vista da sotto sembra cosi vicina.. ma poi arrivare fino in vetta…tremendo.
Non posso fare a meno dell’Etna, è una droga per me.
Poco importa se, nell’ordine, (insieme ai miei amici, Pippo, Lara e Roby) corriamo senza sosta dal 24 Maggio, partendo dalla Pizzuta, passando per la Francia, facendoci cullare dalle Madonie e finendo fino alla cima del vulcano più alto d’Europa.
Sono fatto cosi, mi piace soffrire, portare il corpo e la mente al limite.
Si, la mente, perché per correre questa striscia di gare è necessario disporre di una grande testa e di un grande cuore, che contano molto di più delle gambe.

Francesco Cesare

Condividi post
Repost0
17 giugno 2015 3 17 /06 /giugno /2015 17:55

Ancora una cronaca sulla partecipazione di alcuni atleti della ASD Palermo H13.30 alla edizione 2015 della Supermaratona dell'Etna da 0 a 3000 (9^), andata in scena il 13 giugno 2013.
Il resoconto è stato pubblicato da Filippo Castiglia, nel sito web della ASD Palermo H13.30.

(Filippo Castiglia per ASD Palermo H13.30) Sua Maestà l’Etna rimirava la Sicilia sbuffando placidamente. Gli umani si affollavano alle sue pendici, ma si diradavano via via che si approssimava la vetta. Quel giorno un gruppo d’umani si fece più audace del solito.
Salivano a piedi, senza orpelli, senza attrezzature, di quando in quando si voltavano per osservare il paesaggio.
Lei “‘a Mundagna” li aveva osservati fin dal mattino quando si erano concentrati sulla spiaggia di Marina di Cottone e poi s’erano allungati in un serpentone multicolore.

Tra questi una dozzina vestivano una maglia rossa come la lava, sembra venissero dall’altro estremo dell’Isola, affascinati dalla vista che di sua maestà si gode dalla spiaggia di Mondello nei giorni tersi di marzo.

E quella dozzina giunse in vetta:

[Per leggere tutto l'articolo, segui il link]

Condividi post
Repost0
14 giugno 2015 7 14 /06 /giugno /2015 22:32
Supermaratona dell'Etna 2015 (9^ ed.). Una gara sino al tetto della Sicilia che mi stimola ad andare oltre i miei limiti (Lara La Pera)
Supermaratona dell'Etna 2015 (9^ ed.). Una gara sino al tetto della Sicilia che mi stimola ad andare oltre i miei limiti (Lara La Pera)Supermaratona dell'Etna 2015 (9^ ed.). Una gara sino al tetto della Sicilia che mi stimola ad andare oltre i miei limiti (Lara La Pera)
Supermaratona dell'Etna 2015 (9^ ed.). Una gara sino al tetto della Sicilia che mi stimola ad andare oltre i miei limiti (Lara La Pera)

La siciliana Lara La Pera, vincitrice della 9^ edizione della Supermaratona dell'Etna da 0 a 3000 (andata in scena il 13 giugno 2015 da Marina di Cottone all'Osservatorio Vulcanolgico) ci ha scritto un breve resoconto della sua gara, con le sue impressioni, sia rispetto agli aspetti organizzativi e logistici, sia in merito alla componente soggettiva della sua ottima perfomance. Anche se non lo scrive, perché il crono, rispetto all'esperienza, ha per lei un valore del tutto secondario, Lara La Pera è salita sul gradino più alto del podio, fermando il cronometro a 5h02'08.

(Lara La Pera) Forse sembrerò ripetitiva, ma per un siciliano scalare l’Etna con le proprie gambe e il proprio cuore ha un significato particolare. I suoi colori, i suoi profumi, la sua maestosità, la sua forza, sono la Sicilia.

Raggiungere dalla riva del mare quel pennacchio di fumo che sfiora il cielo è un’impresa titanica.

E questa edizione della 0-3000 è stata al 100% made in Sicily e gli organizzatori, Carmelo Santoro con lo splendido gruppo Etnatrail ASD, hanno dimostrato che anche noi Siciliani sappiamo fare le cose per bene….

Ho fatto tante gare in giro per l’Italia e per l’Europa, su strada e trail, e con immenso orgoglio dico che colloco la 9^ edizione della 0-3000 ai primi posti della mia classifica.

Ristori, assistenza, cordialità prima durante e dopo, pasta-party, premiazioni, pacco gara.

Tutto impeccabile.

Ma la cosa che mi ha colpita di più è stata la continua presenza di volontari sul percorso. Appena pensavi “ho sete”, come per magia ti si accostava qualche macchina dell’assistenza con bottigliette d’acqua fresca.

Persino sulla parte sterrata, dove sicuramente è più difficile organizzare i ristori, non mancava nulla.

Anche il soccorso medico è stato eccellente. Uno di noi ha avuto problemi sulla parte sterrata ed è stato soccorso dall’elicottero. E la sicurezza in queste gare estreme viene prima di ogni cosa.

E la 0-3000 è a tutti gli effetti una gara estrema che pone sotto grande stress il fisico anche degli atleti più allenati: si passa dal caldo estivo siculo (che non scherza) a temperature vicine allo zero, dal livello del mare a quasi 3000 metri di quota.

Molti di noi sono arrivati lassù in preda al vero e proprio mal di montagna, ma anche per questo c’erano i volontari pronti con bevande calde, frutta secca, coperte di lana pronti ad aiutarti.

Ottima la logistica dell’arrivo all’osservatorio: spogliatoi riscaldati, toilette e un vero e proprio buffet con tutto quello che un atleta stanco e infreddolito può desiderare.

Amo questa gara perché amo correre in salita, la salita mi esalta e non mi fa paura.

E alla 0-3000 tengo in modo particolare.

Ho cercato di recuperare Annecy riposandomi e non allenandomi (grande sacrificio!) e ieri non ho lasciato nulla al caso.

Conosco bene la gara e il percorso e avevo calcolato tutto, tranne che - dopo il 25à km - in preda ad una specie di delirio atletico ho mandato all’aria tutti i calcoli e ho accelerato un po’ rispetto alle previsioni, arrivando a piano Provenzana con circa 5 minuti di anticipo rispetto ai miei calcoli. Stavo bene e so che per molti la frazione sterrata è l’inferno….per me è il paradiso!

E così sono riuscita a compiere quello che per me è stato un piccolo miracolo.

Ogni volta che faccio questa gara, non so perché ma è come se avessi una marcia in più.

Come se una forza particolare mi conducesse fino al tetto della Sicilia. E poi l’esperienza aiuta tanto… imparare a gestire la fatica per tante ore, conoscere i propri limiti, in queste gare è fondamentale, tanto quanto l’allenamento.

Sono passate solo 24 ore dalla conclusione della nona edizione della 0-3000….ma già non vedo l’ora di correre la decima edizione!

Ieri, è stata una meravigliosa giornata di sport.

Condividi post
Repost0
13 giugno 2015 6 13 /06 /giugno /2015 23:11
Supermaratona dell'Etna da 0 a 3000 2015 (9^ ed.). La mia quarta volta, sofferta ma bellissima

È fatta!
La mia quarta supermaratona dell'Etna è stata sofferta ma bellissima anche per quest'anno!
Questa gara, incredibilmente faticosa, mi riempie sempre di stanchezza e d'orgoglio.
Sono stanca e felice adesso, qui, distesa sul mio letto a guardare il tetto in legno, caldo come caldo è stato il cuore di tutti coloro che oggi sono stati con me.
Aaaah! se questi piedi e queste gambe potessero parlare, chiacchiererebbero animatamente col cuore per raccontarsi ciò che hanno visto e vissuto.
Però, la giornata non sarebbe conclusa senza i doverosi ringraziamenti agli amici del cuore.
Ed allora grazie a Melchiorre e Nino per avermi scortata in macchina nel viaggio di andata e di ritorno.
Grazie al mio socio Enzo per la passione con la quale porta avanti il nostro progetto sulla LineaRetta.
Grazie alle emozioni che mi ha fatto vivere Giovanna portandomi fino alle lacrime al suo arrivo, e ad Angela per la stima reciproca che ci accomuna. Grazie a tutti i fotografi: Dario, Adriana, Alessandro per le belle fotografie. Grazie alle super-donne: Lara, Graziella e Cinzia perché con la loro capacità tengono alto il valore delle donne; a Vito, Pasquale, Angelo e Max per i loro incoraggiamenti.
Grazie al mio migliore amico Maccarone per essere al mio fianco durante i viaggi più belli.
Grazie ad Alfonso, Mario, Piccione e Davide per avermi tenuto compagnia durante alcuni lunghi chilometri.
Grazie a Mariarosa per la disponibilità nei rifornimenti supplementari.
Grazie alla preziosa Marilisa per avermi aiutata col cambio abiti.
Grazie a Corrado, Antonello, Leonardo e Calandriello per avermi fatta ridere sul pullman.
Grazie a Mela e Salvo, a Maria e Angela, a mio marito e mio figlio che facevano il tifo da casa.
Grazie, grazie e ancora grazie soprattutto a tutti gli organizzatori: Nino, Mario, Diego, Daniele e Pietro e al Presidente Carmelo Santoro che hanno trasformato una gara già di per sé bellissima in un miracolo.
Tutto organizzato in maniera impeccabile e in maniera superlativa.
Di gare ne ho fatte ormai tantissime, ma organizzate come questa le posso contare davvero sulle punta delle dita di una mano.
Sicuramente, in questa mia rassegna di ringraziamenti, dimentico tanti di voi, ma non me ne vogliate, siete tutti nel mio cuore (chi cori ranni ca c'haiu).

Elena Cifali

Non poteva mancare - ancora a caldo - un entusiastico parere da parte di Elena Cifali, finisher con molta fatica e con immensa gioia alla sua quarta partecipazione alla Supermaratona dell'Etna da 0 a 3000 2015.
Questa partecipazione è stata - per la cronaca - la sua quarta volta.

Condividi post
Repost0
4 giugno 2015 4 04 /06 /giugno /2015 22:09
Tecnica Ma-Xi Race 2015 (5^ ed.). Il racconto del palermitano Francesco Cesare: la gara
Tecnica Ma-Xi Race 2015 (5^ ed.). Il racconto del palermitano Francesco Cesare: la garaTecnica Ma-Xi Race 2015 (5^ ed.). Il racconto del palermitano Francesco Cesare: la gara
Tecnica Ma-Xi Race 2015 (5^ ed.). Il racconto del palermitano Francesco Cesare: la garaTecnica Ma-Xi Race 2015 (5^ ed.). Il racconto del palermitano Francesco Cesare: la gara

Francesco Cesare prosegue il racconto della sua esperienza di gara ad Annecy (Francia) alla 5^ edizione della Tecnica Ma-Xi Race che si è svolta sabato 30 maggio 2015.
Nel gruppetto di siciliani, si è distinto particolarmente poprio francesco cesare che può vantare anche un'ottima posizione in classifica di tutti gli Italiani presenti ad Annecy (conosciuta anche come "la Venise des Alpes", per via dell'abbinata tra paesaggi tipicamente alpini e lacustri)), ad eclusione di quelli impegnati nel Campionato del Mondo IAU Trail.
Infatti, Francesco Cesare è stato finisher con il crono di 12h 24' e 140° su più di 3000 partecipanti e terzo italiano classificato al traguardo, dopo i rappresentanti del team nazionale azzurro.

Tecnica Ma-Xi Race 2015 (5^ ed.). Il racconto del palermitano Francesco Cesare: la garaTecnica Ma-Xi Race 2015 (5^ ed.). Il racconto del palermitano Francesco Cesare: la gara

(Francesco Cesare) Sabato 30 Maggio 2.30 am. Una sveglia virtuale (perchè non ho chiuso occhio a parte che per un oretta) suona…

Il mio primo pensiero sono le scarpe, che indosso subito non appena balzato fuori dal letto..
spero che non mi daranno problemi, è questo il mio unico incubo
Facciamo colazione (la mia classica pre gara, 2 brioche di Graziano belle piene di marmellata alle fragole) e in ben che non si dica sono le 4.00, è ora di uscire da casa, direzione Ultratrail di Annecy.
La temperatura è tutto sommato gradevole si può stare bene in mezze maniche senza patire il freddo.
Parcheggio trovato facilmente e via in fila per partire, sono le 4.30 del mattino ma qui c’e’ gente come a mezzogiorno in pieno centro a Palermo, c’e’ chi ride sdrammatizzando, c’e’ chi è terrorizzato, c’e’ chi ancora dorme nel padiglione adiacente allo start.
Io, Lara e Roberto siamo insieme, Pippo è già sparito.
5.00am, si parte, è iniziata l’ennesima avventura.
Nei primi metri superiamo Pippo che è partito a 3000 come se dovesse correre una mezza, da quel momento in poi non vedrò più i miei amici fino a sera.
Bisogna riuscire a non pensare che si correrà fino a sera, bisogna riuscire a non pensare che si correrà per 86 km, bisogna riuscire a non pensare che ci sono cinque vette da scalare, bisogna porsi degli obiettivi a breve termine di volta in volta che ti permettano mentalmente di andare avanti.
Gli obiettivi possono essere (piccoli), come per esempio un punto d’acqua, un rilevamento del chip, un passaggio dai fotografi, oppure (grandi), come per esempio un punto vita, un ristoro, una vetta, una discesa particolare etc etc..
Bisogna riuscire a fare di 86 km tanti piccoli segmenti, altrimenti (almeno per quanto mi riguarda) sarebbe impossibile reggere mentalmente.
Lo zaino è pieno, acqua, integratori, barrette, gel e quant’altro si fanno sentire sulle spalle e non riesco mai a trovare l’allacciatura corretta per bloccarlo al petto (anche perchè è nuovo quindi io e lui non ci conosciamo!)
La prima salita è la più semplice ma anche la più fastidiosa, è stretta quindi si creano intasamenti, bisogna spingere, farsi largo e fare attenzione a quelle cazzo di bacchette che rischiano di infilzarti ogni passo.
E’ già giorno non c’e’ bisogno della torcia, i primi km fino a circa il 20° scorrono senza che neanche me ne accorga, ma dopo qualche ora mi ritrovo al primo ristoro in una grande vallata con vista sul lago dove ad accoglierci (saranno le 7.30 del mattino) c’e’ davvero un casino di gente che incoraggia con pacche sulle spalle e che con un sorriso ti danno la forza di andare avanti (mentale sopratutto). [...]

Per leggere tutto l'articolo segui il link sotto

E i nostri amici siciliani hanno anche avuto l'onore di un articolo nelle pagine sportive del Giornale di Sicilia che, solitamente, si muove malvolentieri al di fuori delle cronache calcistiche

E i nostri amici siciliani hanno anche avuto l'onore di un articolo nelle pagine sportive del Giornale di Sicilia che, solitamente, si muove malvolentieri al di fuori delle cronache calcistiche

Condividi post
Repost0
3 giugno 2015 3 03 /06 /giugno /2015 18:15

Francesco Cesare ed altri siciliani, tra i quali Pippo Ruggeri, Lara la Pera e il marito Roberto Magnisi, hanno partecipato alla edizione 2015 della gara di ultratrai, denominata "Tecnica Ma-Xi Race" che è andata in scena ad Annecy (Francia) tra il 29 e il 31 maggio con un palinsesto ricco di competizioni, per tutti i gusti e per tutte le capacità.

Il gruppetto dei siciliani, tuttavia, è andato per partecipare alla gara "maxi", sulla distanza di 85 km con un dislivello altimetrico di 5200 metri.

Ma la gara di Francesco Cesare e degli altri Siciliani è cominciata molto prima e ha preso la forma di un viaggio tormentato che, sino all'ultimo, ha messo a dura prova la loro resilienza.

Quindi, Francesco Cesare, nel raccontare della sua esperienza, a ragione ha voluto inserire un lungo resoconto della loro odissea di viaggio per arrivare in tempo ad Annecy.

Una gara contro il tempo, prima della gara, dunque.

Ecco il suo racconto...

(Francesco Cesare) In condizioni normali il viaggio aereo che avrebbe dovuto portarci da Palermo ad Annecy, sarebbe dovuto essere la parte più semplice di tutto il lungo week-end transalpino, invece….

…il monitor delle partenze ci regala subito la prima sorpresa, il volo per Fiumicino è in ritardo di un’ora, ciò significa che la coincidenza per Ginevra è quasi del tutto persa, a meno che, lo stesso inconveniente si verifichi per il suddetto volo.

Corriamo subito verso il corner Alitalia cercando una qualsiasi soluzione alternativa che ci permetta di arrivare via Milano o Torino ad Annecy anche a tarda notte, perchè è fondamentale per motivi logistici e organizzativi essere sulle sponde del lago due giorni prima dell’evento.

Niente da fare, dobbiamo aspettare.

Mangiamo un “boccone prelibato” e via in attesa della partenza.

Arrivati a Fiumicino stampiamo il record del mondo dei 3000 mt percorrendo a velocità supersonica i corridoi dell’aeroporto verso il gate del volo per Ginevra, gomitate, spintoni, urti, imprecazioni … tutto inutile, il gate è chiuso, il volo è partito.
Pippo e Cettina stanno per arrivare a Ginevra, Lara, Roby ed Io siamo bloccati qui.

[per leggere tutto il racconto segui il link inserito sotto]

Condividi post
Repost0
27 maggio 2015 3 27 /05 /maggio /2015 10:22

Divulghiamo volentieri questo scritto di Francesco Cesare sulla sua esperienza di corsa all'Ecotrail Serre delle Pizzuta, svoltosi il 24 maggio 2015 a Piana degli Albanesi e e sui monti circostanti, valevole come settima prova del Circuito Ecotrail Sicilia 2015.

Per leggere tutto l'articolo seguire il link.

Arrivati a Piana come sempre l’accoglienza della gente è davvero calorosa, tutti molto gentili e disponibili nei confronti di questi “pazzi” che per una mattina bloccheranno le vie del paese e che si apprestano a salire su quella montagna avvolta dalla nebbia.
Quattro chiacchiere con gli amici e i classici riti pre gara mi portano sulla linea di partenza, nessuno crede che correrò con il freno a mano tirato, te l’avevo detto Nino, “Vai tranquillo non posso rischiare”.
(...)
La bravura nel Trail sta nel saper essere veloci e lucidi nello stempo, avere l’attenzione di seguire con la coda dell’occhio la fettuccia ed il percorso, altrimenti chiunque potrebbe fare trail e lanciarsi in discese a velocità disperate.

Francesco Cesare (francescocesare1983)

Condividi post
Repost0
23 maggio 2015 6 23 /05 /maggio /2015 03:55
Ecotrail delle Cantine di Camporeale 2015 (2^ ed.). Il piccolo racconto di Maureen: "And soul gets its food"Ecotrail delle Cantine di Camporeale 2015 (2^ ed.). Il piccolo racconto di Maureen: "And soul gets its food"
Ecotrail delle Cantine di Camporeale 2015 (2^ ed.). Il piccolo racconto di Maureen: "And soul gets its food"
Ecotrail delle Cantine di Camporeale 2015 (2^ ed.). Il piccolo racconto di Maureen: "And soul gets its food"Ecotrail delle Cantine di Camporeale 2015 (2^ ed.). Il piccolo racconto di Maureen: "And soul gets its food"

Non contenti della partecipazione alla 6 ore di San Gregorio... per vivere, appena poche ore dopo essere rientrati a casa, ci siamo rimessi in cammino per raggiungere Camporeale, ove il 10 maggio mattino si sarebbe svolto l'Ecotrail delle Cantine di Camporeale, giunto alla sua 2^ edizione e prova B-side del Circuito Ecotrail Sicilia 2015.

Qui, io ho fatto le foto, mentre Maureen ha partecipato alla gara, come modo per scrollarsi dalle gambe la fatica del giorno prima, ma anche per rinfrancare il suo animo e il suo cuore, dopo essere stata ingabbiata per 6 ore in un circuito stradale (per quanto senza noia, ma con la gioia della sorpresa).
Maureen se l'è presa calma, perché voleva divertirsi e godere per ogni metro del percorso trail di 16 km, predisposto da Luigi Montalbano.

E ha pienamente centrato il suo obiettivo! Ciò nondimeno, ha avuto anche la soddisfazione di essere la seconda nel podio di categoria.
Ma non è questo quello che veramente conta.

Ciò che importa, soprattutto, in questo tipo di gare è "trarre nutrimento per la propria anima".

Di seguito il suo breve commento (tratto da un post più ampio,pubblicato nel suo blog).

Chi volesse leggere questo suo testo, non avendo una buona conoscenza dell'Inglese, può ricorrere a Google Translate.

(Maureen Simpson Crispi) And guess what, a few hours later we were up again, heading off to the lovely Camporeale EcoTrail, one of Aldo Siragusa's lovely trails, not far from Palermo. This was a [more or less] 16 km trail heading off out of the village climbing up for about 3 or 4 kms into the mountains, and then round and about and back.
The perfect little ending to a weekend of running. My legs were of course a bit tired from Saturday and so I took it fairly easy. Also, at least the first 3 or 4 kms of this trail were single track, and quite technical. As much as I LOVE these kinds of trails and relish them, I am not good at running them. I am a bit like Gabriel the toddler trying to traverse 'big' steps at almost 2 years old. As for going down, well, I tend to stand aside and let the gazelle like Sicilians scamper down and then take my sedentry place somewhere behind them. If there are a lot of uphills, not too technical, I am lucky because I can claw back some time and catch up a bit. But I had a great run, I loved being in the mountains and smelling and feeling all the wonderfully colourful and arromatic Sicilian plants right in front of me and under my feet. I am also often pleasantly surprised to see some familiar leaves and branches and petals, from home in South Africa, here in Sicily!
So it is a great treat and my soul gets its food. It's like a bit of home in home for me.

But it doesnt end there! After the race, was the 'pasta party'. For 5 euro's per person you literally got a cultural banquet and feast. It was outdoors, I think in the grounds of a restaurant or guesthouse, I am not sure. but there were wooden beches and tables, and big wine barrels as standing tables, wine and bread and tables laden with food.
Maurizio went and came back with 2 enormous sandwiches full of prosciutto and formaggio. Delicious! I thought, for 5 Euro's that was the lunch and I was delighted, and full!

But low and behold, then, he came with plates of pasta and more plates of sliced cheese, which we naturally ate. Then, it carried on, there was salsiccia AND bowls of freshly made racotta straight from the hot warm vat, being ladled out by the farmers themselves!

It was a fantastic day, and Gabriel even got to play football with some really sweet boys who shared their football with him, even though he was much much littler than them, and stopped them from playing their own game. They were even calling him little affectionate names like 'Gioia' and 'Piccolo' and being quite protective and encouraging him with his ball skills! [which is a challenge, as they haven't quite had time to emerge yet!]
I thought, how lovely it is, that Gabriel will grow up in this kind of community where little children are given a voice and noticed and loved.

Condividi post
Repost0

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche