Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
3 agosto 2014 7 03 /08 /agosto /2014 16:42

Etnatrail 2014 (4^ ed.). La vittoria va al siciliano Vito Massimo Catania

(Maurizio Crispi) Vito Massimo Catania di Regalbuto (Atletica Rosamaria) ha vinto l'edizione 2014 dell'Etnatrail sulla distanza di 64 km, rivelandosi ancora una volta runner di altissimo valore e laureandosi a pieno titolo "corridore del cielo e del fuoco" (con il crono di 7h56'12). 
Pur avendo sbagliato strada nei primi chilometri di gara, nel tratto compreso tra lo start e i Crateri Sartorius, si è rimesso in carreggiata ritrovandosi quasi in ultima posizione. Ma con pazienza e con tenacia ha preso a recuperare posizione.
Già ai Crateri Sartorius (dove si trova nella foto di Maurizio Crispi) era già nelle prime, anche se non ancora nelle primissime posizioni, laddove nell'edizione passata sulla distanza dei 30 km dallo stesso punto era passato gomito a gomito con Giuseppe Cuttaia (Panormus Team): e avevano continuato così per il resto della gara, sino all'arrivo, quando con un enorme senso di fair play sportivo, Vito Massimo, allora ancora quasi una matricola nel mondo del Trail siciliano ha lasciato che Giuseppe Cuttaia compisse da solo gli ultimi passi sino al nastro finale.
In questa gara di ieri, dopo il passaggio ai Sartorius, Vito Massimo ha recuperato ancora, ritrovandosi presto in prima posizione, che conquistava poco prima del passaggio a Piano Provenzana previsto al 36° km di gara.
Poi, da quel momento in avanti, la gara è stata sua e l'ha dominata incontrastato, tagliando il traguardo felice, ma con la modestia che sempre lo contraddistingue in ognuna delle eclettiche partecipazioni podistiche: Vito Massimo è uno cui piace correre, stare con la gente che corre, condividere.

Etnatrail 2014 (4^ ed.). La vittoria va al siciliano Vito Massimo CataniaPer lui vincere è soltanto un valore aggiunto e non questione di vita o di morte. C'è nelle sue vittorie la pacata serenità di chi riceve la vittoria come un dono, mentre quando non vince c'è altrettanta serenità e la gioia nei confronti di quei compagni di corsa che hanno dominato.
Ma è stato bello che, in questa prima edizione della versione "ultra" dellEtna Traill abbia vinto un siciliano e che il podio dei dei primi tre sia stato, del pari, sia stato costituito da Siciliani: che - per completezza sono stati un Francesco Cesare (anche lui della compagine Panormus Team) in stato di grazia in 8h38'57, in seconda posizione e Giusepe Cuttaia che, attualmente alla testa della classifica dell'Ecotrail Sicilia 2014, per questa volta, si è dovuto accontentare di un terzo posto, in 9h0237.
Ma la vittoria e la gioia condivise - e naturalmente la festa -  sono state di tutti i circa quattrocento partecipanti, suddivisi tra il Trail lungo di 64 km, e l'Ornitos trail sulla distanza di 24 o di 16 km.

Condividi post
Repost0
13 febbraio 2014 4 13 /02 /febbraio /2014 19:57

Magraid. Correre nella Steppa 2014. Se non ti senti pronto per correre Magraid, prova Discover Magraid. Cosa ci vuole per correre Magraid?

 

Chi non dovesse sentirsi ancora pronto per affrontare Magraid. Correre nella Steppa... può provare a partecipare a Discover Magraid.
Si tratta della corsa nella steppa sullo stesso percorso di 20 chilometri che costituisce la tappa finale di Magraid la cui edizione 2014 si svolgerà dal 15 al 17 giugno 2014.

Essendo una gara competitiva, ai concorrenti è richiesto il tesseramento alla FIDAL oppure il cartellino giornaliero, il cui costo è di 7 euro, per ottenere il quale occorre consegnare il certificato medico d’idoneità alla pratica sportiva-agonistica (valido perlomeno sino al giorno successivo alla competizione).

La partenza (30’ dopo il via della terza tappa di Magraid) e l’arrivo sono al campo base della località Parareit (Cordenons). Il tempo massimo per completare la prova è di 3 ore e 30 minuti.

La quota di iscrizione è di 20 euro (più eventuale cartellino giornaliero).

 

Documentario sui Magredi e Progetto Life. Ecco i link per poter vedere edocumentarsi.  Il 9 gennaio, la Rai aveva dato comunicazione che sul terzo canale, all’interno della trasmissione Geo&Geo, sarebbe andato in onda il documentario dedicato ai Magredi friulani e al progetto Life “Magredi Grasslands”.
Un cambio di palinsesto, senza nessun altro preavviso, ha fatto sì che il documentario fosse mandato in onda soltanto il 29 gennaio.
Chi lo avesse perso, lo può visionare su Rai Replay - Rai.tv: www.rai.tv/dl/replaytv/replaytv.html selezionando il giorno 29 e la trasmissione Geo & Geo.
Il video è visionabile da qualsiasi postazione pc/internet.

 

Magraid Magazine (a cura di Paolo Tedesco, aggiornamento del 5 febbraio 2014). Cosa ci vuole per correre Magraid? Una richiesta molto apprezzata ci è pervenuta da un - speriamo – futuro magraider che, sostanzialmente, ci chiede quale sia il livello di preparazione richiesto per finire in modo decoroso la gara di 100 chilometri nella steppa.

Sembra un paradosso ma è molto più facile, anche con il conforto della statistica, correre Magraid piuttosto che una maratona classica. Due sono i motivi di questa “facilità”: il primo sicuramente è il ritmo con cui si affronta Magraid che può prevedere ristori lunghi, tratti camminati, senza alcuna necessità di mantenere un’andatura prevista; il secondo è il contesto ambientale che induce nella mente e nell’animo un istinto primordiale di sopravvivenza, ben distante da quello agonistico della maratona che fa sentire in competizione con gli altri e soggetto a critiche, vere o presunte, nel momento in cui la prestazione decada.

Magraid non si corre contro nessuno: non è una sfida ma un’esperienza. I magraider sono gli abitanti di uno ’’strano’’ villaggio, che nasce nei tre giorni di gara e che lascia ricordi per i successivi 362 giorni che separano la fine dall’inizio dell’edizione successiva.

La preparazione per una maratona è ben più che sufficiente per correre Magraid. Basta imparare a conoscersi un po’ meglio, per gestire in modo ottimale le proprie risorse.

 

 

Condividi post
Repost0
6 febbraio 2014 4 06 /02 /febbraio /2014 07:50

Magraid. Correre nella steppa 2014. Mariotti, Modignani e Zufferli saranno i protagonisti annunciati del Magraid 2014. Tedeschi spiega il perché della scelta di chiudere le iscrizioni a quota 180L’edizione 2014 di Magraid. Correre nella Steppa, in programma per il 13-15 giugno, si preannuncia già scoppiettante. I presupposti, sebbene manchino ancora quasi cinque mesi al via dell’ultramaratona nella steppa di 100 chilometri, ci sono tutti. Iscrizioni a parte, che si stanno avviando verso il raggiungimento delle 100 unità (si ricorda che i posti disponibili sono 180), è la qualità dei Magraider in lizza che fa sperare un’altra edizione da primato. 

Tornerà, infatti, Paola Mariotti (nella foto): la ’’veterana’’ portacolori dell’Atletica Brugnera Friulintagli è salita lo scorso anno sul primo gradino del podio. Con lei ci sarà ancora una volta Alice Modignani dell’Atletica Palzola (secondo posto per lei nel 2013) e uno dei ’’senatori’’ di Magraid: Ivan Zufferli (X-Bionic Italia), colui che vinse la prima edizione della 100 chilometri nella steppa.

 

Questi, ovviamente, sono soltanto alcuni dei (numerosi) protagonisti annunciati.

 

Certificati medici. Lo staff di Magraid comunica che chi attualmente è in possesso di un certificato che scade tra 20 giorni, un mese (ecc..) può comunque iscriversi alla 100 chilometri nella steppa di giugno scegliendo l’opzione "presenterò il nuovo certificato prima della gara".

Quando avrà in mano il ’’documento’’ medico in corso di validità dovrà inviarlo o tramite email (all’indirizzo magraid@tds-live.com) oppure portarne una copia, il giorno della gara, da consegnare al momento del ritiro del pettorale.

 

Magraid. Correre nella steppa 2014. Mariotti, Modignani e Zufferli saranno i protagonisti annunciati del Magraid 2014. Tedeschi spiega il perché della scelta di chiudere le iscrizioni a quota 180(Magazine Magraid. La rubrica settimanale di Paolo Tedeschi. 29.012.2014). Perchè il numero chiuso? Magraid è una competizione riservata ad un numero limitato di atleti. In un momento in cui le competizioni fanno a gara per aggiudicarsi il maggior numero di concorrenti possibile (e di conseguenze quote d’iscrizione) sembra un fatto inspiegabile.

 

La caratteristica fondamentale di Magraid è il rispetto e la valorizzazione di un ecosistema meraviglioso ma fragile, quello magredile appunto, nel quale vivere tre giorni in perfetta armonia prima ancora che gareggiare con gli avversari.

 

Le zone di protezione speciali, all’interno del percorso di gara, sono soggette a norme molto restrittive e la volontà di noi organizzatori è quella di non turbare alcun equilibrio naturale.

 

La strada che abbiamo scelto è stata, sin dall’inizio, non quella di chiedere una quota d’iscrizione elevata che, da sola, avrebbe limitato il numero dei concorrenti, ma di privilegiare chi apprezza lo spirito Magraid e si iscrive per tempo.

 

Con un numero limitato di partecipanti riusciamo a creare un vero e proprio villaggio, con logistica creata dall’Esercito italiano, cucinare pasti in loco con prodotti di grande genuinità, qualità ed il più possibile a chilometri zero.

 

Per questo motivo i Magraider sono un gruppo di atleti, affiatato e compatto, che riesce a capire lo spirito di Magraid e ci aiuta, nel rispetto della natura, a raggiungere il duplice risultato di costruire una gara meravigliosa ed essere parte attiva nella preziosa opera di scoperta e valorizzazione di un territorio unico.

Condividi post
Repost0
26 gennaio 2014 7 26 /01 /gennaio /2014 09:32

Magraid. Correre nella Steppa 2014. Prosegue la corsa alle iscrizioni ed altre newsContinuano ad arrivare le iscrizioni per l'edizione 2014 di Magraid. Correre nella Steppa, in programma il prossimo giugno, nel territorio friuliano dei Magredi (Cordenons).
Le iscrizioni sono state aperte meno di tre settimane fa e si è giunti già a quota 75. Non c'è fretta, ma bisogna essere accorti,Allo spezzino Locori spettà già un piccolo primato.

La corsa alle iscrizioni. In meno di tre settimane dall’apertura dei termini per iscriversi, sono già 75 i magraider che si sono iscritti all’edizione 2014 dell’ultramaratona di 100 chilometri nella steppa.

Numeri record, se si considera che all’appuntamento di giugno mancano cinque mesi e che i posti a disposizione sono 180. Allo stato, comunque, ne rimangono liberi ancora più della metà.

Quest’anno spetta allo spezzino Matteo Locori (nella foto tratta dal suo profilo Facebook) il primato per essere stato il più veloce, attraverso il sito ufficiale, ad essersi iscritto, il 6 gennaio, a Magraid. Seguono, nell’ordine, Fulvio Peruzzo, Renato Fusar Poli, Gino Fornasari e Massimiliano Gribaldo.

La prima donna, invece, è la liventina Maida Del Zotto che gareggia per i colori del Gp Livenza Sacile.

 

 

Magraid. Correre nella steppa 2014. Progrediscono le iscrizioni: raggiunta quota 75. Nuove app in arrivo. La rubrica di Paolo TedeschiLa App di Magraid per Android è già realtà. E a giorni sarà disponibile anche per I-phone e I-pad. Una app per smartphone e tablet interamente dedicata a Magraid. E’ quella che, da qualche giorno, sviluppata per il sistema Android, è scaricabile dal Play Store.

Un’applicazione che, al passo con la tecnologia, permetterà ai magraider e a tutti i simpatizzanti dell’ultramaratona nella steppa di 100 chilometri di poter accedere, in tempo reale, a tutte le informazioni riguardanti la kermesse di tre giorni, in programma nel 2014 dal 13 al 15 giugno, direttamente dal proprio smartphone/tablet. Nel Play Store è sufficiente digitare la parola Magraid e cliccare sul tasto installa.
Una volta installata, per 2-3 secondi si vedrà un foto della natura dei Mmagredi; successivamente si aprirà la vera app con i suoi contenuti.

A giorni la app sarà disponibile anche per iPhone ed iPad.

Una significativa ’’rivoluzione’’ informatica, segno che Magraid continua sempre ad essere al passo con i tempi.

 

 

Magraid. Correre nella steppa 2014. Progrediscono le iscrizioni: raggiunta quota 75. Nuove app in arrivo. La rubrica di Paolo TedeschiDal Magazine - Rubrica settimane di Paolo Tedeschi (aggiornamento del 22 gennaio 2014 "Acqua o polvere?") Magraid ormai è “familiare” a chi lo ha già corso. Tuttavia le immagini che proponiamo sono così diverse tra loro che, pur esaltando la diversità delle condizioni ambientali e dei terreni, possono generare una vera e propria confusione.

L’acqua e i sassi, la polvere e la vegetazione, sono elementi che coesistono nei Magredi ed è proprio per questo che Magraid è una gara che va interpretata in modo attento. Non solo se si compete per la vittoria, ma anche se si vuole raccogliere il massimo da scelte azzeccate che premino non solo la componente fisica dell’atleta ma, anche, la sua capacità d’interpretazione dei luoghi e le scelte strategiche.

In queste edizioni abbiamo assistito a come, senza motivi apparenti, i tempi di percorrenza di tappe del tutto simili, dagli stessi atleti in analoghe condizioni di forma, abbiano prodotto risultati cronometrici molto differenti, quasi da sembrare corsi su tracciati diversi, sia in termini di terreno che di lunghezza.

Sembra monotono ripetere che nei tre giorni di Magraid le statistiche meteorologiche sono incredibili, differenze di temperatura dell’ordine dei 35 gradi un anno rispetto all’altro, acqua a catinelle piuttosto che secco sahariano.

E’ importante in fase di programmazione e preparazione avere attenzione su queste condizioni molto diverse, sia in termini d’attrezzatura ed accessoristica che nella gestione della gara vera e propria, per esempio abituandosi a bere considerevoli quantitativi d’acqua piuttosto che scegliere scarpe e calzini che, anche dopo un attraversamento di una guado, non diano problemi ai piedi.

 

 

Ufficio Stampa: Alberto Comisso

Condividi post
Repost0
21 gennaio 2014 2 21 /01 /gennaio /2014 07:55

Magraid. Correre nella steppa 2014. Quando la solidarietà chiama, Magraid rispondeNuovi aggiornamenti sulla edizione 2014 di Magraid. Correre nella Steppa. 100 km in tre tappe nel territorio dei Magredi che si svolgerà a Cordenons (Friuli), il prossimo Giugno.

’’Start’’, il programma sportivo in onda su Telefriuli che dà ampio spazio all’atletica leggera e al podismo, ha parlato la settimana socrsa anche di Magraid.
Nella puntata di sabato 18 gennaio, alle 18.30, il curatore della trasmissione, Renato Bonin, si è soffermato su due temi: ’’Magraid ed Esercito italiano: collaborazione rinnovata’’ e ’’Magraid magazine: la rubrica settimanale di Paolo Tedeschi’’.

 

Intanto Magraid risponde ad una causa di solidarietà, collegata ad un libro di recente pubblicato. Quando la solidarietà chiama, Magraid risponde. Questa volta lo fa promuovendo e sostenendo l’acquisto di un libro, il cui ricavato sarà devoluto ad un’associazione che opera nel campo della disabilità per la realizzazione di un progetto.

Si intitola ''Viste da dietro'' il libro (seguendo questo link è possibile scaricare il pdf illustrativo) di Vero Fazio. L'autore collabora da cinque anni con il magazine Spirito Trail il cui direttore, Leonardo Soresi, ''è rimasto colpito dalla cura con cui ha scelto gli aggettivi per descrivere un particolare aspetto di un percorso. Andare piano non sempre è uno svantaggio: quando vai veloce non hai molto tempo di guardarti intorno e notare quei piccoli particolari che rendono unico il paesaggio''.

In ''Viste da dietro'' è presente il racconto di più di 80 gare, dalle terre magre del Friuli alle montagne dei Marsi, dai lunghi ultratrail sino alla corsa di Miguel in pieno centro di Roma.

L’autore ha deciso di non limitarsi alle gare, lasciando spaziare la penna anche ai ricordi. Come quelli che evocano la figura di Bikila e di quell’estate indimenticabile delle olimpiadi romane.

Chi è incuriosito da questo libro ed è tentato dal desiderio di leggerlo, potrà richiederlo all’autore contattandolo sulla sua e-mail (verofazio@alice.it) ed ottenerlo in cambio di una offerta in danaro, assolutamente volontaria e di entità soggettiva, che sarà devoluta, nella sua interezza, al Centro Anffas (Associazione nazionale delle famiglie di persone con disabilità motorie e/o relazionali) Peter Pan di Celano (Aquila)

La somma raccolta servirà per finanziare il progetto che prevede la realizzazione di una pensilina per coprire un tratto di strada privata, che i disabili devono percorrere giornalmente, con le loro carrozzine, per raggiungere, dall’area sosta delle vetture degli accompagnatori, l’infrastruttura dove vengono ospitati.

Lo staff di Magraid ha deciso di promuovere e sostenere quest'iniziativa, ed invita tutti i magraider ad acquistare il libro. ''A Vero Fazio, che correrà l'edizione 2014 di Magraid – l'invito degli organizzatori della 100 chilometri nella steppachiediamo sin da ora, per l'appuntamento di giugno, la disponibilità a portare qualche copia del suo libro''.

 

Iscrizioni e certificati medici. Ecco il vademecum di Magraid.
Di seguito, viste le numerose richieste di delucidazione già pervenute al comitato organizzatore di Magraid, vengono inserite alcune note importanti circa le modalità di iscrizione alli 100 chilometri nella steppa e ai certificati medici.

 

Info iscrizioni:

ENTERNOW: +39 041 8020213
info@enternow.it
TDS (Time Data Service):+39 041 990320

 

I Certificati Medici devono essere inviati a magraid@tds-live.com.
Non saranno accettati certificati medici con la diciutra "podsmo", "corsa", "maratona",ma solo quelli che recano come dicitura dell'attività sportiva agonistica validata "Atletica leggera", come da disposizioni FIDAL.
Una certificazione medica, del pari, si richiede a tutti gli atleti non tesserati italiani e stranieri.
Ai tesserati EPS (Enti di Promozione sportiva) è richiesto di consegnare oltre alla copia della tessera valida per l'anno in corso, anche una copia del certificato medico di iidoneità agonistica in corso di validità. 

 

Condividi post
Repost0
4 gennaio 2014 6 04 /01 /gennaio /2014 21:03

Magraid. Correre nella Steppa 2014 (7^ ed.). Dal 6 gennaio partono le iscrizioni per l'edizione 2014Magraid. Correre nella Steppa 2014 (7^ edizione), si svolgerà tra il 13 e il 15 giugno. Il 6 gennaio partono ufficialmente le iscrizioni.  
L’organizzazione accetterà solo ed esclusivamente le iscrizioni pervenute on line, attraverso il portale www.enternow.it con carta di credito o bonifico bancario.
Dal sito internet www.magraid.it è possibile ’’accreditarsi’’ dalla voce ’’Magraid 100 Km’’, in alto a destra, cliccando su ’’Iscrizioni gara Magraid’’.

La quota d’iscrizione (100 euro per tutti coloro i quali hanno preso parte ad almeno un’edizione; mentre ammonterà a 130 euro per i "nuovi" magraider) comprenderà pacco gara, assistenza e rifornimenti istituzionali, trasferimento di tappa, alloggio in tendopoli e vitto nel il campo base allestito al Parareit.

(Dalla rubrica settimanale di Paolo Tedeschi) Il Campo base. Il gran numero di concorrenti del 2013 ci ha gratificato e soddisfatto ma, ovviamente, il ...problema del campo base è diventato prioritario e tutt’altro che scontato. 

Una delle grandi difficoltà dell’organizzazione di Magraid è proprio la logistica, che risulterebbe impossibile senza il prezioso supporto dell’Esercito italiano. 
Le autorità militari hanno capito l’importanza della manifestazione e sposato in pieno lo spirito di collaborazione che, sin dalla prima edizione, si è potuto nstaurare; per la prossima edzione, hanno assicurato la realizzazione di un campo base che, a tutti gli effetti, sarà quasi doppio rispetto alle edizioni precedenti.
Magraid 2014 avrà un grande campo base che nel tempo è diventato un villaggio, fatto di sport, amicizia e, perché no, divertimento. Saranno così assicurati tre giorni di sensazioni uniche, nel fisico e nella mente.

 

Per essere sempre informati ed aggiornati sulla ultramaratona di 100 chilometri nella steppa, Magraid propone a tutti i suoi simpatizzanti la possibilità di ricevere una newsletter settimanale redatta dal proprio Ufficio stampa, che include al suo interno la nuova rubrica di Paolo Tedeschi.

Per iscriversi è sufficiente entrare nella home page del sito internet www.magraid.it, accedere in alto a destra alla sezione ’’Iscriviti alla newsletter’’ e compilare i due campi obbligatori. 



Ufficio Stampa: Alberto Comisso
ufficiostampa@magraid.it


Una selezione di foto
Condividi post
Repost0
27 dicembre 2013 5 27 /12 /dicembre /2013 07:24

Magraid. Correre nella Steppa 2014. Spigolature in attesa dell'edizione 2014L'edizione 2014 di "Magraid. Correre nella Steppa" si svolgerà, come sempre in tre tappe, nel territorio di Cordenons (Pordenone, Friuli) dal 13 al 15 giugno 2014 su di una distanza complessiva di 100 km: è una gara ricca di fascino e che riproduce, in piccolo, le difficoltà di un'ultramaratona a tappe in un territorio desertico, a partire dal fatto che i partecipanti vengono fatti alloggiare in un campo base, dove ilpernotto avviene all'interno di tende militari.
Le iscrizioni apriranno - online - a partire dal 6 gennaio 2014.

La prima tappa sarà modificata rispetto alle edizioni precedenti,,
Di seguito il report di Paolo Tedeschi e le prime impressioni di Fausto Lenarduzzi, magraider e titolare dell’agriturismo ’’Da Tina’’: il locale verrà ’’toccato’’ dalla seconda tappa della 100 chilometri nella steppa.

Paolo Tedeschi dal Magraid Magazine: Lo abbiamo già annunciato e pubblicato ma ricordiamo che la prima tappa di Magraid 2014 è completamente diversa da quella, interlocutoria, degli anni precedenti.

E’ una tappa nella quale si parte direttamente dal Campo Base e si entra subito in territorio steppico, come si può vedere dall’immagine satellitare. Questa tappa è anche abbastanza facile da vedersi per gli spettatori, che, partendo dal Campo Base a piedi, possono incrociare gli Atleti due volte facendo solo pochi chilometri.

La tattica di gara sarà profondamente modificata da un prima tappa come questa, non più interlocutoria ma sicuramente già indicativa per quelle che saranno le prime posizioni. Non è difficile infatti in questo tracciato accusare ritardi anche pesanti ma, bisogna aver ben presente, la mattina successiva si parte per la tappa marathon e le ore di riposo sono davvero poche!

Fausto Lenarduzzi sul nuovo tracciato della prima tappa di Magaraid: "Difficile, ma bella": Il percorso della prima tappa mi è piaciuto molto, perchè si attraversano vari tipi di terreno con diverse difficoltà, dai sassi con un fondo più o meno duro, all’erba soffice. Il paesaggio attraversato è proprio quello della steppa, e sono curioso di vedere come sarà il tratto "nuovo" nei giorni della gara, anche se lo posso immaginare. Quindi, secondo me, la prima sarà una vera tappa di Magraid sia per bellezza che per difficoltà, che, se affrontata nel modo sbagliato, lascerà il segno sia all’arrivo che in gara il giorno successivo.

Presto un'application per smartphone e tablet. Una app per smartphone e tablet interamente dedicata a Magraid. E’ in fase di sviluppo un’applicazione che, al passo con la tecnologia, permetterà ai magraider e a tutti i simpatizzanti dell’ultramaratona nella steppa di 100 chilometri di poter accedere, in tempo reale, a tutte le informazioni riguardanti la kermesse di tre giorni, in programma nel 2014 dal 13 al 15 giugno, direttamente dal proprio smartphone/tablet.

Una significativa ’’rivoluzione’’ informatica, segno che Magraid continua sempre a stare al passo con i tempi.

 

Inviate una vostra foto di una vostra partecipazione ad una delle precedenti edizioni del Magraid. Lo staff di Magraid lancia un’iniziativa fotografica. Si rivolge ai magraider che hanno partecipato, negli ultimi sei anni, all’ultramaratona nella steppa di 100 chilometri chiedendo loro di inviare alcune foto all’indirizzo info@magraid.it, in formato orizzontale e in una buona risoluzione, in cui il soggetto è la gara, l’ambiente oppure loro stessi. I ’’click’’ verranno selezionati dal Magraid Team e poi inseriti direttamente nella home page del sito www.magraid.it oppure utilizzato direttamente per Magraid.

Questo il testo del form da compilare all’atto dell’invio.

Privacy e Dirittto d'immagineAll’atto dell’invio della foto l’Atleta & Autore dovrà autorizzare l’organizzazione all’utilizzo gratuito, senza limiti territoriali e di tempo, d’immagini statiche ed in movimento che li ritraggano la foto inviata a cui deve dare un nome .
L’Atleta & Autore autorizza il Comitato Organizzatore a utilizzare, riprodurre e diffondere l’ immagini della foto anche alla comunicazione di massa (Riviste, Siti Internet, Giornali, Dvd Ufficiale di Magraid etc, etc.). Nessun compenso sarà dovuto L’Atleta & Autore per l’utilizzo, la riproduzione, la diffusione della foto .
N.B. la mancata presentazione del consenso autorizza l’organizzatore a non procedere al tesseramento.

 

Magraid e Triteam per Chirstmas Spin Bike. Magraid e Triathlon Team hanno sostenuto l’iniziativa ’’Christmas Spin Bike’’, la pedalata di 24 ore, in programma dalle 24 del 23 dicembre alle 24 del giorno seguente, la cui raccolta fondi sarà interamente destinata al Duchenne Heroes (evento a sostengono di Parent Project onlus). La partenza è in programma da Piazza XX Settembre, nei pressi del chiostro della Biblioteca civica.

Il link della manifestazione, completo di tutti i dettagli, è presente sia nella home page del sito internet di Magraid (www.magraid.it) che in quella del Triathlon Team (www.triathlonteam.it).

 

Il video di presentazione      

 

 


 

Ufficio Stampa: Alberto Comisso

ufficiostampa@magraid.it

3460153287

Condividi post
Repost0

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Archivi

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche