Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
13 agosto 2012 1 13 /08 /agosto /2012 13:35

Piano Battaglia (Parco delle Madonie). Si svolgerà il 16 settembre, il Duathlon off road "Ricordando Rosario", organizzato da Giuseppe Cuttaia e dall'ASD Panormus Mountain Bike and Trail Team.

 
duathlon of road Ricordando RosarioSarà una gara combinata in tre frazioni (corsa in natura/mountain bike/corsa in natura) quella che si svolgerà, il prossimo 16 settembre, sul famoso prato di Piano Battaglia.
Partenza e arrivo avverrano dal rifugio Marini (del CAI), di recente ristrutturato ove le famiglie potranno trascorrere momenti di relax all'ombra dei lecci.
La gara prevede la partenza della frazione di corsa in natura (trail), a seguire la frazione di Mountain Bike e, quindi, di nuovo un breve tratto finale di corsa trail.
Sarà una festa dello sport in natura con una divertente competizione rivolta a donne e uomini.
Raduno atleti ore 9,00.
E' previsto un ristoro finale per atleti e accompagnatori.
Ricordo per tutti i finisher.

Categorie e regolamento CSI, obbligo di indossare casco nella frazione MTB e di essere in possesso di tesserino rilasciato da società sportiva agonistica valido per il 2012. Sarà data la possibilità di noleggio Mountain Bike.
Iscrizioni, contatti e info: cuttaiagiuseppe@hotmail.co
m o attraverso l'evento lanciato su Facebook.
Condividi post
Repost0
11 agosto 2012 6 11 /08 /agosto /2012 11:58

BUCCIOLPeriodo ricco d'impegni agonistici per gli atleti del Triathlon Team Cordenons: la stagione è infatti nel suo vivo e in diverse gare sono arrivati risultati di prestigio. Da segnalare il terzo posto di categoria di Cristian Bucciol (a Lovadina) e di Natalino Falliero (a Udine dopo un lungo stop agonistico).

DOLCE LOVADINA. Allo sprint di Lovadina (circa 300 partecipanti sul percorso di 750 metri di nuoto, 20 chilometri di bicicletta e 5 di corsa) bella prova di sei atleti cordenonesi. Primo del team, ventunesimo assoluto (ma a ridosso delle top ten) e terzo di categoria S4 Cristian Bucciol in 1h 10' 45''. Per Raffaele Piccinonno 31° posto assoluto e 4° di categoria S1 in 1h 12' 11'' (per lui ottima frazione di nuoto, visto che è uscito primo tra tutti dall'acqua). La new entry Marco Teot è giunta 194° e 26° di M1 in 1h 25' 03''. Quarto di M5 e 217° assoluto Natalino Falliero (senatore del club al rientro dopo una lunga pausa sportiva) in 1h 27' 11''. Riccardo Pederneschi con 1h 29' 04'' 228° e 30° in M1. Massimo Pascolo 26° di S3 e 234° in 1h 29' 47''. Guido Drusian è giunto 155° assoluto, 20° in S3 in 1h 22' 27''.

NUOVI ATLETI: QUOTA 47. Mauro Starnoni e Marco Teot sono i nuovi tesserati del mese di luglio: con loro il team arriva a quota 47.

GRUPPO LOVADINAIL GRUPPONE DI UDINEA Udine nello sprint (750 metri di nuoto, 20 chilometri di bicicletta e 5 di corsa) primo del team Mauro Gava (48°, 10° S3 in 1h 08' 02''). Con lui in gara anche Valter Turchet (69° assoluto, 4° di categoria M3 in 1h 11' 58''), Riccardo Pederneschi (130°, 28° in M1 in 1h 22' 03''), Natalino Falliero (124°, 3° in M5 in 1h 20' 27''), Michele Cozzarin (59°, 14° M2 in 1h 10' 51''), Maurizio Santarossa (118°, 12° M3 in 1h 19' 38''), Francesco Rusconi (91°, 13° M1 in 1h 15' 21''), Massimo Pascolo (139°, 13° S3 in 1h 24' 30'') e Roberto Ravagnolo (116°, 26° M2 in 1h 19' 02'').

PROVA TRICOLORE PER PICCINONNOA Revine nel triathlon olimpico valido per i campionati italiani (1.5 km di nuoto, 40 km bicicletta e 10 km a piedi) Raffaele Piccinonno ha centrato il 24° posto di categoria S1 e 170° assoluto in 2h 13' 41''.

CAVAZZO PER GUERIN. A Cavazzo, per il circuito Xtrim, Alessandro Guerin unico portacolori del team in gara ha chiuso l'olimpico (1.5 km di nuoto, 40 km bicicletta e 10 km a piedi) in 86° posizione assoluta e 23° di categoria M2 in 4 28 08.

PROSSIME GARE. Tra i prossimi impegni da segnalare quelli di Cristian Bucciol, che si dividerà tra l'olimpico di Faak in Austria e l'Elbaman, medio sull'isola d'Elba.

SEDE CHIUSAPer le vacanze estive la sede del team chiude dal 1° agosto e riapre martedì 11 settembre, nel solito orario dalle 18.30 alle 20.

 

Nelle foto Bucciol e gli altri atleti a Lovadina.

Condividi post
Repost0
3 agosto 2012 5 03 /08 /agosto /2012 15:04

04_arrivo prima donna 2012(Davide Nerattini per conto del Comitato organizzatore) L’AronaMen 112.9 Triathlon ha chiuso la sua seconda edizione con 520 partecipanti e una grande giornata di sport.

342 gli individuali al via. Ad aggiudicarsi il titolo Andrea D’Aquino, portacolori dei Carabinieri e l’australiana Elly Franks, triatleta di fama internazionale.

D’Aquino ha guidato la gara dall’inizio alla fine. Il primo fuori dall’acqua, una volta in bici bici ha dovuto contenere gli attacchi del Campione Italiano di Duathlon Danilo Brustolon, battaglia che ha emozionato durante la frazione ciclistica.  

La frazione podistica ha poi consolidato il vantaggio dell’atleta novarese che ha tagliato il traguardo in 3:55:23, dando a Brustolon un distacco di quasi due minuti e mezzo. Al terzo posto l’argentino della DDS Luciano Taccone.

Nella gara femminile, dopo una strepitosa frazione di nuoto, la prima donna a raggiungere la zona cambio è stata l’argentina della DDS Romina Biagioli. Elly Franks, seconda nella frazione nuoto, ha subito iniziato la sua rimonta una volta salita sulla bici. Sono bastati pochi km per raggiungere l’argentina e agguantare la leadership che ha mantenuto fino al traguardo. Suo il tempo di 4:42:11. Biagioli ha chiuso in seconda posizione con un distacco di oltre 4 minuti. Sul gradino più basso del podio Laura Mazzucco dell’Alba Triathlon.

02_frazione di nuoto edizione 2012Grande partecipazione anche alla gara a staffetta, con 58 squadre presenti tra maschili, miste e femminili - alcune delle quali composte da atleti specialisti nelle singole discipline – che hanno dato una nota di colore all’evento. Tra i team maschili ha vinto Caterpillar con Parenti-Toia-Raimondi, secondo i CI.VIS.GROUP con Sacco-Piemonte-Vizzardelli, terzi il Zena Tri Team con Reggioni-Portalupi-De Marco. Tra i team famminili successo de Le Orsette con Silvani-Tondini-Rosselli, seconde le Airone Triathlon Girl con Pastore-Gandini-Ottria e terze l’Alba Trigirls con Tomatis-Cavallero-Scavino. I team misti hanno visto il successo di Resilience con Marelli-Duca-Sciani, secondi il Team Usca2 con Longoni-Tornesi-Malvestiti e terzi Pro Patria Milano con Petruzzi-Schilirò-Sciarrone

Tanti gli spettatori che si sono ritrovati in Piazza del Popolo e lungo i percorsi della manifestazione per assistere alla gara e dare il loro supporto agli atleti.

Una giornata di sport, di sport vero, resa possibile grazie agli atleti e a tutti coloro che hanno supportato l’AronaMen 112.9 Triathlon.

Un ringraziamento va a Regione Piemonte, Provincia VCO e Novara, Comune  di Arona; e poi i Comuni di Stresa, Baveno, Lesa, Miasino, Meina, Distretto Turistico dei Laghi, Ente Fiera del Lago Maggiore, Pro Loco di Arona Radio DeeJay, Tuttosport, Ironman Radio, Mizuno, Selle San Marco, Orsobianco Dolciaria, acqua Lurisia, Penta Power, Aqua Sphere, Nicetto Ponteggi, Caseificio Valle Stura, RaceOne, Ford Azzurra, Il Gelato, Formaggi Guffanti,  C.I.V.I.S, i giudici di gara, i volontari, la Lega Navale di Arona, i vari gruppi A.I.B. coordinati da Verbania, la Croce Rossa Italiana di Arona, i Radioamatori di Arona, il gruppo ciclistico di Arona, la podistica di Arona, i volontari comunali di Arona e gli A.I.B. di Arona, il gruppo di Cà Giò, il gruppo di scorta tecnica di Agrate, i sommozzatori dell'associazione Noi Sea.

La premiazione è stata effettuata dal Sindaco di Arona, Alberto Gusmeroli, dal Presidente dell’Ente Fiera del Lago Maggiore, Gianni Caligara, dal Presidente della Pro Loco di Arona, Piero Moro; presente anche Alberto Tampieri, mentre assente ma giustificatissimo l’assessore allo sport di Arona Federico Monti che ha coordinato tutti i volontari sul territorio di Arona che ha voluto e creduto nell’Evento AronaMen Triathlon 112.9km.  

Arrivederci al prossimo anno, la data sarà il 28 luglio 2013!

 

UOMINI

  1. D’Aquino Andrea 3:55:23
  2. Brustolon Danilo 3:57:49
  3. Taccone Luciano 4:00:19

DONNE

  1. Franks Elly 4:42:11
  2. Biagioli Romina 4:45:11
  3. Mazzucco Laura 4:56:08

 

Classifiche complete su www.aronamen.it

 

Guarda altre foto

 

 

                 

 
 
Davide Nerattini 
Presidente Cuneo Triathlon,
via Porta Mondovì 13
12100 Cuneo
websites: www.aronamen.it;  www.italiatriathlon.it
email: info@aronamen.itdirettore@italiatriathlon.it
mobile: 0039 3356355737
tel/fax: 0039 0171693370
Condividi post
Repost0
24 luglio 2012 2 24 /07 /luglio /2012 21:14

aronaManTriathlonDopo 12 mesi di promozione, di assidue presenze sui campi gara in Italia ed all’estero, comunicati stampa, contatti, mail e pubblicità, ecco il primo risultato dell’AronaMen Triathlon 112.9 edizione 2012: superati i 500 iscritti, con le adesioni sono ancora aperte (www.aronamen.it).
Per la giovane gara del Lago Maggiore si tratta di un importante successo grazie agli atleti che non solo vogliono gareggiare ad importanti gare all’estero con marchi blasonati,  ma anche in Italia facendo in questo modo crescere tutto il movimento e mondo del Triathlon italiano.
L’appuntamento è dal 27 al 29 luglio ad Arona, città sulla sponda piemontese del Lago Maggiore che ospiterà oltre mille persone che saranno presenti esclusivamente per la seconda edizione dell’AronaMen.
Tantissimi gli stranieri con ben 12 nazioni rappresentate dalla piccolissima Aruba agli Stati Uniti per finire alla Russia ed all’Australia.
L’AronaMen si correrà sulla distanza di 1.900 km di nuoto, 90 km di ciclismo e per finire 21 km di podismo con una bella mezza maratona interamente sul lungo lago.
Il programma prevede da venerdì pomeriggio la consegna dei pettorali, sabato ripresa della consegna dei pettorali ed alle ore 18.00 presso la Piazza del Popolo - che ospiterà la partenza, l’arrivo e le premiazioni - la Cuneo Triathlon effettuerà il briefing pre-gara spiegando tutta la manifestazione; saranno presenti i due speaker della manifestazione, il direttore di Triathlete Fabio D’Annunzio, uno tra i massimi conoscitori di triathlon, e Davide Nerattini di www.italiatriathlon.it; l’assessore Federico Monti saluterà gli oltre 500 atleti, il Sindaco Alberto Gusmeroli sarà presente domenica a seguire tutta la gara ed ad effettuare le premiazioni finali.
Dalle 19.00 sino alle 21.00 ci sarà la carbo dinner, cena offerta a tutti i partecipanti dalle Aziende alimentari che sostengono e sono vicine all’AronaMen.
Alle 21.30 grande concerto che l’Amministrazione di Arona dedica al Triathlon, in Piazza San Graziano con la JV Orchestra.
Domenica mattina è il tempo della gara con partenza alle 7.00. Ci potranno essere delle code, causa chiusura di alcune strade in zona immissione SS N.33 del Sempione ad Arona ed in zona San Carlone (territorio comunale di Arona) da dove gli atleti scenderanno per rientrare in zona cambio.
La zona interessata rimarrà congestionata dalle 9.30 sino alle 12.30 circa con traffico veicolare alternato.
I 21 km di podismo si effettueranno interamente sul lungolago sino al termine della pista pedonale e ciclabile, dalle 9.30 sino alle ore 14.00.
Le premiazioni con la consegna del montepremi in denaro pari a $10.000,00 saranno effettuate sul palco Nicetto alle ore 15.00 in Piazza del Popolo. Tutta la gara sarà trasmessa in diretta da radio Ironman su www.ironmanradio.it.
Moltissimi i Patrocini tra i quali Regione Piemonte, Provincia VCO e Novara, Comune di Arona; e poi i Comuni di Stresa, Baveno, Lesa, Miasino, Meina, Distretto Turistico dei Laghi, Ente Fiera del Lago Maggiore, Pro Loco di Arona radio DeeJay e Tuttosport. Tra le aziende saranno presenti Mizuno, Selle San Marco, Orsobianco Dolciaria, acqua Lurisia, Penta Power, Aqua Sphere, Nicetto Ponteggi, Caseificio Valle Stura, RaceOne, Ford Azzurra, Il Gelato e Formaggi Guffanti; il servizio di sicurezza della zona cambio è stato affidato alla CIVIS.
L’AronaMen conterà su oltre 200 volontari grazie ad alcune associazioni di volontariato come la Lega Navale di Arona, i vari gruppi A.I.B. coordinati da Verbania, la Croce Rossa Italiana di Arona, i Radionamatori di Arona, il gruppo ciclistico di Arona, la podistica di Arona, i volontari comunali di Arona e gli A.I.B. di Arona, il gruppo di Cà Giò, il gruppo di scorta tecnica di Agrate, i sommozzatori dell'associazione Noi Sea e tutto lo staff della Cuneo Triathlon. La starting list, provvisoria, e le ultime informazioni si possono vedere sul sito www.aronamen.it

 

Per il Comitato Organizzatore AronaMen 112.9km Davide Nerattini

 

 

Davide Nerattini
Presidente Cuneo Triathlon
via Porta Mondovì 13
12100 Cuneo
websites: www.aronamen.it, www.italiatriathlon.it
email: info@aronamen.it, direttore@italiatriathlon.it
Mobile: 0039 3356355737
Tel/fax: 0039 0171693370

 

Condividi post
Repost0
2 luglio 2012 1 02 /07 /luglio /2012 22:00

Triathlon di Torino del Po Domenica 8 luglio a Torino, con ritrovo presso i Giardini Ginzburg di Corso Moncalieri e partenza alle ore 12.00 dal Circolo Cerea del Valentino, scatterà la 4^ edizione consecutiva del Triathlon di Torino del Po.
La competizione vedrà la partecipazione di oltre 150 atleti provenienti da tutto il Nord Italia, Francia, Germania, Svizzera ed Inghilterra; si confronteranno forti atleti professionisti con tantissimi amatori che fanno sport solo per mantenersi in forma e divertirsi.
La gara torinese è tra le più spettacolari d’Italia, con la partenza e tuffo nel Po da sotto il Castello del Valentino grazie all’ospitalità del Circolo Cerea, che fu anche il primo club di Triathlon torinese; gli atleti usciranno presso i Giardini Ginzburg approfittando dell’uscita del Circolo degli Amici del Po che saranno presenti con le proprie canoe e motoscafo al seguito delle gara.  Una volta usciti dal fiume, dopo aver nuotato in favore di corrente, gli atleti entreranno su Corso Moncalieri che sarà interamente chiuso al traffico sino al Ponte Isabella e sino al Ponte della Gran Madre di Dio, 5 giri in bici per circa 21 km e rientro in zona cambio. I 5 km di podismo sono 3 giri tra i ponti di Corso Vittorio Emanuele, Murazzi e Ponte della Gran Madre di Dio passando ogni volta dai Giardini Ginzburg; la spettacolarità del podismo è nel vedere costantemente gli atleti in gara poiché dalla finish line si potrà guardare la corsa sui due ponti e soprattutto ai Murazzi, proprio davanti e separati solamente dal fiume Po.
Le iscrizioni sono ancora aperte, e si chiuderanno solo venerdì 6 luglio: da martedì 3 luglio è previsto un leggero aumento dele quote d'iscrizione, ma ci si augura che - per quest'anno - nessun atleta rimanga escluso dall’unica gara di triathlon che si svolge in una grande metropoli che è anche Città Olimpica.
Sostengono il Triathlon di Torino il Comune di Torino, la Provincia di Torino, Tuttosport, Mizuno, Selle San Marco, acqua Lurisia, Ford Azzurra, Icad Sistemi, Orsobianco Dolciaria, Caseificio Valle Stura, Bottero Ski e Aqua Sphere.
Il montepremi in denaro è di 500,00 euro oltre e numerosi riconoscimenti tecnici ed in natura.
Iscrizioni ed informazioni visitando www.italiatriathlon.it, mentre la mail di riferimento è direttore@italiatriathlon.it mentre l’info line diretta è 3356355737.  

 




Davide Nerattini, Presidente Cuneo Triathlon 
Via Porta Mondovì 13
12100 Cuneo 
websites: www.aronamen.it, www.italiatriathlon.it 
email: info@aronamen.it, direttore@italiatriathlon.it 
mobile: 0039 3356355737
tel/fax: 0039 0171693370

 

Condividi post
Repost0
16 giugno 2012 6 16 /06 /giugno /2012 21:00

Aurelien_Betto_arrivo.jpgSi è svolto oggi, 16 giugno, la 29^ edizione del Triathlon Internazionale Città di Bardolino. E' stata una gara fantastica con un caldo africano che ha promosso il francese Aurelien: ed è dal '97 che vincono gli stranieri. Tra le donne, una grande Betto si mette dietro la Vodickova. Bravi casadei e D'Aquino. 889° posto a Fabrizio Vignali, affetto da sclerosi multipla. Successo organizzativo

Il Triathlon Internazionale di Bardolino (VR) rimane stregato per i triathleti italiani. È del francese Raphael  Aurelien infatti il successo della 29.a edizione, ma fortunatamente il tricolore sventola alto sul podio femminile grazie ad una maiuscola prestazione della lombarda Alice Betto.

Il caldo torrido è stato il primo avversario da battere (temperature oltre i 30°) in questa ennesima gara dei record, con 1300 iscritti di 21 nazioni, ed in palio c’era lo speciale Trofeo Vini Lamberti.

Colpo d’occhio eccezionale davanti a Villa Carrara nella località gardesana, pubblico delle grande occasioni, 1300 biciclette “parcheggiate” con cura nella zona cambio e 1300 atleti pronti a sfidarsi nell’evento che ha fatto la storia del triathlon in Italia.

Bella ed affascinante la partenza con la frazione di nuoto. Il via dato da Paola Pezzo ha visto lanciarsi in acqua per prime le donne, con la veneta Peron subito a farsi largo tra le migliori, tra le quali Veronica Signorini, seconda nella prova nelle calme acque del Garda, inserita in un gruppetto che comprendeva anche la ceca Vodickova e la lombarda Alice Betto.

I maschi, partiti dopo 10’, si sono inserti alle spalle delle prime venti donne e poi tutti in sella nella frazione ciclistica di 40 km, come impone la distanza olimpica (1,5 km di nuovo, 40 km di bici e 10 km di corsa a piedi), distanza “inventata” proprio dal Triathlon di Bardolino nel 1984.

Il primo a mettere i piedi a terra è stato l’intramontabile Polikarpenko, sei vittorie a Bardolino, subito dietro si è presentato il francese Aurelien e la lunga fila dei 1300.

Al comando dopo le prime scaramucce si sono portate subito Alice Betto e Radka Vodickova, una coppia ben affiatata, abile nei cambi e capace di allungare subito sulle rivali, che a metà frazione si sono fuse in un secondo e combattivo gruppo, mentre alle loro spalle sopraggiungeva il terzetto dei primi maschi che dopo Affi sono riusciti subito a sbarazzarsi dei rivali. Il poliziotto Alberto Casadei, il carabiniere Andrea D’Aquino ed il francese Raphael Aurelien hanno messo subito in chiaro quali sarebbero state le proprie intenzioni, mentre Facchinetti che era scattato con i primi perdeva man mano terreno.

I tre hanno allungato e dietro nessuno è più riuscito a vederli neppure in lontananza, un ritmo forsennato, nonostante il caldo bestiale. Nella discesa verso Bardolino i primi tre maschi hanno raggiunto e superato le due ragazze di testa Betto e Vodickova con velocità pazzesche, imitati delle due fuggitive.

Il primo a balzare giù dalla sella ed andare al cambio per la gara podistica è stato Casadei, tallonato da D’Aquino e da Aurelien. Nella corsa il francese è andato in progressione e nulla ha potuto Casadei, nonostante un grande impegno, ma non si è mai arreso se non sotto l’arco d’arrivo sul lungolago, dove è stato il francese a presentarsi per primo tra una folla strabocchevole e col cronometro bloccato su 1h53’52”, tempo straordinario, considerato il gran caldo. Casadei, comunque soddisfatto, era ancora secondo a 59” con Andrea D’Aquino costretto all’involontario ruolo di terzo incomodo. Solo settimo Polikarpenko davanti a Rendes Csaba.

Poi toccava alle donne recitare il ruolo di protagoniste. Nell’ultima frazione Alice Betto metteva le ali, ma la Vodickova non si arrendeva e le due davvero erano a tutta. Col tempo di 2h08’56” Alice Betto andava a tagliare il nastro d’arrivo, con appena 40” sulla ceca. La Simic con un gran recupero balzava sul terzo gradino del podio.

Bello il quadretto finale, con Aurelien che aveva ancora la forza di prendere in braccio la Betto (col permesso della fidanzata…) per la gioia dei fotografi.

A Bardolino c’era una gara nella gara, quella di Fabrizio Vignali, atleta e grande uomo che affetto della sclerosi multipla ha voluto dimostrare come la malattia si possa vincere con lo sport. Vignali ha chiuso la gara all’889° posto tra gli applausi del pubblico. Durante la competizione ha avuto qualche momento difficile, ma “sono un lottatore - ha detto - e ho pensato solo di concludere la gara, quella era la mia mission”.

Applausi anche per gli organizzatori guidati da Dante Armanini, a capo di una nugolo di volontari e con il grande supporto del Comune di Bardolino e del sindaco Ivan De Beni. Ora all’orizzonte c’è la 30.a edizione che, promette Armanini, sarà davvero speciale!

Una sintesi della gara andrà in onda domani mattina dalle 9.30 alle 10.30 su Rai Sport 2, con replica lunedì alle ore 24.

Info: www.triathlonbardolino.it 

 

 

Classifiche:

Maschile

1 AURELIEN RAPHAEL Peperoncino Team 01:53:52; 2 CASADEI ALBERTO G.S. FF.OO. 01:54:51; 3 D'AQUINO ANDREA C.S.Carabinieri 01:55:07; 4 SECCHIERO ANDREA G.S. FF.OO. 01:56:18; 5 NOGUERAS RODRIGO AUGUSTIN Dds 01:56:23; 6 FECSKOVICS ATTILA Peperoncino Team 01:56:36; 7 POLIKARPENKO VLADIMIR Cus Torino Triathlon 01:57:32; 8 CSABA RENDES Triathlon Cremona St 01:57:47; 9 RUZSAS DAVID Peperoncino Team 01:58:08; 10 BRUSTOLON DANILO G.S. FF.OO. 01:58:16

Femminile

1 BETTO ALICE Dds 02:08:56; 2 VODICKOVA RADKA Cze Czech Republik 02:09:36; 3 SIMIC MATEJA Triathlon Cremona St 02:11:57; 4 KOVACS ZSOFIA Forhans Team 02:12:17; 5 DUDAS ESZTER Peperoncino Team 02:13:08; 6 CHMET DANIELA G.S. FF.OO. 02:13:31; 7 PRIARONE GIORGIA T.D. Rimini 02:14:38; 8 CSOMOR ERIKA Forhans Team 02:16:11; 9 SIGNORINI VERONICA Triathlon Cremona St 02:18:53; 10 FORSTNER RENATE Tsv Rosenheim 02:20:00

 

Condividi post
Repost0
16 giugno 2012 6 16 /06 /giugno /2012 15:05

Ricciarelli_Partenza01.jpgDomani, 17 giugno, si svolgerà il 29° Triathlon Internazionale Città di Bardolino (Verona). 
Domani scocca l’ora del grande triathlon a Bardolino (VR). Alle 12.30 la 29^ edizione del Triathlon Internazionale sulla distanza olimpica. 21 Paesi al via, Italia ben rappresentata. Alberto Casadei tenta la “scalata” al gradino più alto del podio. 

Ormai ci siamo, domani la competizione che ha fatto la storia del Triathlon italiano chiamerà a raccolta 1300 adepti per la sua 29.a edizione. Il Triathlon Internazionale di Bardolino (VR) scatterà alle 12.30 di domani ed è garantito lo spettacolo tra nuoto, ciclismo e corsa, con percorsi collaudati tra la città gardesana, il lungolago e le colline dell’entroterra veronese.

Tra i tanti iscritti ce n’è uno che guarda con particolare interesse alla gara di sabato, il veneto delle Fiamme Oro Alberto Casadei arriverà a Bardolino carico di buone intenzioni, soprattutto dopo il primo posto centrato al “Tristar 111 Salzkammergut” di inizio giugno, sulle sponde del lago Attersee in Austria, suo sesto sigillo stagionale.

Al Triathlon Internazionale di Bardolino Casadei ha chiuso 3° nel 2010, 2° lo scorso anno, il passo successivo da compiere sarebbe salire, finalmente, sul gradino più alto del podio proprio come successo due domeniche fa in terra austriaca. “So bene che non sarà facile”, premette, “ma voglio tentare la scalata, del resto a Bardolino sono andato in crescendo e sarebbe bello proseguire la serie”.

L’obiettivo andrà centrato gestendo bene i passaggi tra le varie frazioni, come spiega lo stesso Casadei “...è una gara selettiva e complessa, a cominciare dalla frazione di nuoto (1.500 metri, ndr). A differenza di quanto accade in altre competizioni simili, a Bardolino il gruppo inizia a scremarsi già dopo la prima frazione e, usciti dal Lago, potrebbero già esserci distacchi interessanti, il Garda spesso è increspato e questo potrebbe incidere sulle prestazioni. Senza dubbio giocherò al meglio le mie carte, nel nuoto mi sento ferrato perché è la disciplina con cui ho iniziato, spero di uscire dall’acqua per primo per partire avvantaggiato nelle frazioni successive”.

Partenza02Dopo il nuoto, Dante Armanini e il suo staff organizzatore hanno preparato un bel tracciato di 40 km di ciclismo, anche in questo caso Bardolino si differenza dalle altre competizioni perché non si pedala su un circuito ma su un vero e proprio percorso “fondo” tra i saliscendi delle colline veronesi. “Il percorso in bici non lascia respiro”, spiega Casadei, “è molto tecnico, ondulato, senza dubbio contribuisce a fare del Triathlon di Bardolino una gara più muscolare che veloce, dunque più nelle mie corde. So che la seconda frazione sarà fondamentale per me, nella corsa mi difendo bene ma non sono fortissimo, arrivare con un buon vantaggio dopo i 40 km in bicicletta sarebbe l’ideale”.

I 10 km (2 giri da 5 km) di corsa sul lungolago di Bardolino, quest’anno cronometrati con microchip a controllo satellitare, si caratterizzano per la gran linearità, ad inasprirli interviene la stanchezza accumulata dopo due frazioni toste. Lo scorso anno la gara si era decisa proprio in quest’ultima frazione, Casadei e l’ungherese Balazs Pocsai erano al comando da soli ed appaiati ma, ad un paio di km dalla fine, lo scatto incontenibile di Pocsai ha costretto il veneziano ad accontentarsi della 2.a piazza.

Anche quest’anno la concorrenza straniera sarà numerosa e ben preparata, tra l’altro in questa edizione si è raggiunto il record di delegazioni nazionali rappresentate, 21 contro le 15 dello scorso anno. Tra gli iscritti c’è l’ucraino Vladimir Polikarpenko, che tornerà sul luogo del successo, anzi dei successi infilati tra il 2001 e il 2006, tra i migliori in griglia anche i forti francesi Aurelien Raphael e Vincent Yohann, il vincitore del 2007 Csaba Kuttor e i vari Toth, Sendra, Ruzsas, Volpe, Kovacs e Fecskovics, con l’Italia rappresentata, oltre che da Casadei, anche da Andrea D’Aquino, Danilo Brustolon, Luca Facchinetti, Giulio Molinari, Ivan Risti e Andrea Secchiero, e al femminile da Daniela Chmet, Gaia Peron, Giorgia Priarone ed Alice Betto.

A proposito di gara rosa, tra le iscritte dell’ultimo minuto ci sono la bionda sudafricana Kate Roberts, vincitrice tre anni fa, la citata Simic, l’ungherese Zsofia Kovacs e la colombiana Fiorella D’Croz, a sfidare fuoriclasse del calibro della ceca Vodickova e delle ungheresi Dudas e Csomor, e i pronostici sono tutt’altro che scontati.

Sarà al via anche il campione mondiale ed europeo di duathlon paralimpico Fabrizio Vignali, classe 1965, che combatte da circa sei anni contro la sclerosi multipla, una malattia che non ha frenato la sua passione per lo sport. Lo scorso anno la partecipazione al Triathlon di Bardolino ha segnato il suo esordio nella triplice disciplina e sabato tenterà di migliorare il risultato del 2011, seguito dallo staff Fitri del Paratriathlon con un medico specializzato e due atleti accompagnatori.

Il programma di questo fine settimana legge questa sera il classico appuntamento a Villa Carrara Bottacisio, con il Carbo Load dalle 19.30 per fare il pieno di energia prima della gara, in tabella di marcia alle 12.30 di domani.

L’edizione pre-trentennio del Triathlon Internazionale di Bardolino è oramai alle porte, chi non potrà essere presente sulle sponde del Garda potrà comunque gustare la gara sintonizzandosi su Rai Sport2 dalle 10.00 alle 11.00 di domenica 17 giugno.

Info: www.triathlonbardolino.it

 

Condividi post
Repost0
13 giugno 2012 3 13 /06 /giugno /2012 17:41

Conferenza-stampa-di-presentazioneL'11 giugno 2012, ha avuto luogo la presentazione alla stampa della 29^ edizione del Triathlon Internazionale Città di Bardolino. In tale occasione, il Comune di Bardolino è stato presente col sindaco De Beni in testa, come pure la Provincia a fianco di Dante Armanini, fondatore e patron della manifestazione di punta del Triathlon italiano. Il Triathlon di Bardolino è un evento che coinvolge tutta la comunità e tantissimi volontari. Sarà in gara anche Fabrizio Vignali, atleta colpito da sclerosi multipla

Un comitato motivato, le istituzioni attente e disponibili, una location invidiabile, una storia importante alle spalle e tutta una comunità coinvolta: ecco la formula magica del successo del Triathlon Internazionale di Bardolino, in programma sabato 16 giugno e presentato alla stampa ieri sera all’hotel Montefelice di Bardolino (VR).

A fare gli onori di casa Dante Armanini, deus ex machina dell’organizzazione composta per intero da volontari, diverse centinaia e che Armanini ha continuato ad elogiare.

Il triathlon in Italia è sinonimo di Bardolino, è risaputo. È stato introdotto da un trio di sportivi come Dante Armanini, Francesco Marchiori, presente ieri in sala, e Camillo Cametti, lungimiranti anche ad inventare le distanze di 1,5 km a nuoto nel lago di Garda, 40 km di ciclismo sulle colline dell’entroterra gardesano e 10 km di corsa all’interno della città di Bardolino.

Quella di quest’anno sarà la 29^ edizione, un’altra edizione da record: sono 1300 gli iscritti accettati, molti sono in lista d’attesa, segno che la gara di Bardolino rimane la più apprezzata in Italia e sabato vedrà sventolare le bandiere di 17 nazioni.

Il sindaco di Bardolino, Ivan De Beni, ieri sera ha sottolineato l’importante sostegno dell’amministrazione comunale al comitato organizzatore e la sinergia in essere ormai da tempo. “È una manifestazione – ha ribadito De Beni – che promuove Bardolino nel mondo, che ci dà lustro e che coinvolge tutta la comunità come nessun altro evento”.

Alle dichiarazioni del sindaco si è aggiunto anche l’assessore comunale allo sport e politiche giovanili Fabio Sala il quale, da sportivo, ha sottolineato la credibilità e l’importanza del Triathlon di Bardolino nell’ambiente. Parole di sostegno anche da parte dell’assessore provinciale allo sport Ruggero Pozzani che ha confermato lo stato di elite tra gli eventi sportivi provinciali della gara gardesana. E che l’evento sia una grande vetrina promozionale per Bardolino lo ha ribadito anche Fernando Morando della Fondazione TOP.

Dante Armanini è entrato nel vivo illustrando i lavori di preparazione. La cura maniacale anche dei piccoli dettagli nella parte tecnica della gara mette sotto pressione un gran numero di volontari.
E per il pubblico anche quest’anno saranno realizzati quattro ponti, così da poter vivere da vicino la competizione, alla quale parteciperà anche il campione del mondo ed europeo paralimpico di duathlon Fabrizio Vignali, atleta affetto da sclerosi multipla. Sarà seguito passo passo da un medico, una bella dimostrazione di come lo sport possa sconfiggere davvero ogni barriera.

Il via sarà dato da Punta Cornicello sabato alle ore 12.30, i primi sono attesi al traguardo sul lungolago di fronte a Villa Carrara verso le ore 14.20. Tanti, anzi tantissimi i pretendenti al successo, sia al maschile che al femminile, italiani e stranieri.
Il Triathlon Internazionale di Bardolino è una gara molto impegnativa e selettiva, soprattutto nel ciclismo con un percorso in linea vallonato.


Info: www.triathlonbardolino.it

 

Condividi post
Repost0
6 giugno 2012 3 06 /06 /giugno /2012 08:38

Nuoto BardolinoPer il Triathlon Internazionale della Città di Bardolino (Verona) che, alla sua 29^ edizione, si disputerà il prossimo 16 giugno , è già sold out dei posti disponibili da record, con 1300 atleti provenienti da ben 13 nazioni! Con una settimana di anticipo le iscrizioni hanno chiuso i battenti. Tre quintali di pasta alla vigilia per energizzare i triatleti. Tanti concorrenti anche dall’estero, programma ricco che coinvolge anche il venerdì. 

Recessione? Non certo per il Triathlon Internazionale di Bardolino, che oggi ha chiuso le iscrizioni in vista dell’edizione numero 29 di sabato 16 giugno, e per Bardolino (VR) sarà ancora una volta una giornata di grande sport.

“Sold out”, dunque, con grande anticipo, dunque, e con grande soddisfazione del “patron” Dante Armanini. È stato raggiunto il tetto massimo di 1.200 partecipanti previsto dal regolamento, ma molte iscrizioni sono in arrivo via fax, via mail e per posta, così Armanini sta facendo i salti mortali per trovare ancora spazio nell’area cambio: “parcheggiare” 1200 bici da corsa in sicurezza e lasciare i varchi per entrare ed uscire ad altrettanti atleti non è cosa da poco. “Metteremo un po’ di bici sugli alberi”, dice scherzando Armanini, “ma forse riusciremo ad accontentarne ancora un po’, comprimendo gli spazi”. È insomma un’altra edizione da record per questo affascinante sport sulla distanza olimpica, di attualità quest’anno con l’appuntamento a cinque cerchi di Londra.

Particolarmente ricca la partecipazione di triatleti stranieri, i dati parlano di 16 delegazioni internazionali rappresentate, ovvero Ungheria, Croazia, Finlandia, Francia, Argentina, Slovenia, Germania, Slovacchia, Repubblica di San Marino, Stati Uniti, Gran Bretagna, Nuova Zelanda, Austria, Irlanda, Repubblica Ceca cui si aggiungono chiaramente gli atleti italiani.

A Bardolino il triathlon è spettacolo puro dal 1984, la manifestazione veronese fu la prima in Italia a proporre l’abbinamento delle tre discipline sportive ponendo di fatto le basi per la nascita del triathlon, “inventando” anche le distanze di 1,5 km per il nuoto, 40 km per il ciclismo e 10 km per la corsa, ovvero i chilometraggi utilizzati tutt’oggi ai Giochi Olimpici.

Un evento storico, che annuncia un fine settimana di grande festa per tutti gli sportivi, il programma è molto ricco e, come da tradizione, coinvolge anche il venerdì sera. Il 15 giugno dalle 19.30, presso Villa Carrara Bottacisio, si potrà festeggiare a suon di musica dal vivo e con il “carbo-load”, la cena a base di pasta (ne verranno cucinati quasi 3 quintali), pensata per consentire agli atleti di fare il pieno di energie in vista della giornata successiva.

Lo staff organizzatore capeggiato da Dante Armanini è molto attento alla cura dei partecipanti e anche il pasta party della serata di vigilia ne è una chiara dimostrazione. Per i triatleti come per ogni genere di sportivo l’alimentazione è un fatto fondamentale, mangiare correttamente prima, dopo e durante la competizione può incidere molto sulle prestazioni atletiche, e anche per questo Enervit ha elaborato un prontuario di come prepararsi per l’evento. Anche la sera prima della gara bisogna fare molta attenzione a quello che si mangia, gli esperti consigliano di evitare di consumare eccessive quantità di frutta e fibre e di prediligere invece i carboidrati, come la pasta appunto, che difatti sarà il piatto forte servito venerdì 15.

Riscaldamento prima della frazione di nuotoDel resto l’impegno da affrontare il sabato è notevole, si parte con 1.500 metri di nuoto per poi pedalare nell’entroterra gardesano con continui saliscendi per 40 km, chiudendo con due giri di corsa da 5 km l’uno. Di massima importanza sarà soprattutto la colazione prima della gara, la partenza della competizione è fissata alle 12.30 e, per assicurarsi una buona prestazione, è consigliabile consumare l’ultimo pasto tra le 8.30 e le 9.30 (tre-quattro ore prima del via), ricordandosi di bere bene prima, dopo e durante lo sforzo approfittando dei ristori posti lungo il percorso.

I migliori triatleti impiegano circa un paio d’ore per portare a termine le fatiche del Triathlon Internazionale di Bardolino, mentre il tempo massimo è fissato a 3 ore, si tratta dunque di uno sforzo prolungato al termine del quale i partecipanti hanno bisogno di recuperare l’idratazione e di rigenerare le proprie forze con carboidrati, meglio ancora se ad alto indice glicemico (zuccheri). Detto fatto, a fine corsa il Triathlon Internazionale di Bardolino propone il ricco pasta party e, come da tradizione, il taglio della gigantesca torta guarnita con… il tracciato di gara a base di crema, un must per l’appuntamento veronese che consentirà di chiudere in bellezza la giornata sportiva di sabato 16 giugno.

In attesa che scatti il Triathlon Internazionale di Bardolino, tra pochi giorni scenderà in campo la sua neo acquisita “sorella”, ovvero il Triathlon di Ingolstadt, gara gemellata a quella veneta che si disputerà domenica 10 giugno nell’omonima località tedesca.

Info: www.triathlonbardolino.it

 

Condividi post
Repost0
5 giugno 2012 2 05 /06 /giugno /2012 08:41

Partenza01.jpgA Bardolino (VR) va in scena il 29° Triathlon Internazionale. Appuntamento il 16 giugno sulle distanze “olimpiche”, ma è interessato alla gara veronese anche il vincitore dell’Ironman Hawaii, Faris al-Sultan. Il 1° giugno cambia la quota di iscrizione, da 50 Euro si sale a €60.00.

Si avvicina a grandi passi l’appuntamento con il pilastro del triathlon italiano, sabato 16 giugno è in calendario il Triathlon Internazionale di Bardolino (VR), la più antica manifestazione del settore in Italia che celebra quest’anno le 29 edizioni.

Vuoi per la longeva tradizione e per l’organizzazione sempre curata e puntuale, vuoi per la location sulle rive del Lago di Garda, ogni anno l’appuntamento veronese è un’autentica calamita per gli appassionati di triathlon di tutto il mondo, desiderosi di sfidarsi nella triplice prova di nuoto, bici su strada e corsa.

Il fascino del Triathlon Internazionale di Bardolino è volato alto anche al di fuori dei confini nazionali, in particolare in Germania dove ha contagiato anche un campione del triathlon in versione estrema come Faris al-Sultan, fuoriclasse nato a Monaco e iracheno di origine, che della fatica ha fatto il proprio stile di vita.

Faris al-Sultan è famoso soprattutto per aver vinto il noto Ironman delle Hawaii nel 2005, gara dura ed estrema che impone 3800 metri a nuoto, 180 km in bici ed oltre 42 km di corsa, ma nel suo palmares figurano molti altri risultati di pregio come il 6° posto al Campionato Europeo Ironman, l’argento al Kaiser’s Triathlon di Bonn e quattro titoli Deutscher Meister di triathlon, il campionato nazionale tedesco della disciplina.

Nella lunga trafila di successi manca ancora all’appello quello sulle sponde del Garda, dopo la vittoria alla prima gara di triathlon al mondo, l’Ironman delle Hawaii appunto, sarebbe ideale la partecipazione al Triathlon Internazionale di Bardolino, prima manifestazione di questo tipo nata in Italia, e Faris al-Sultan ha già mostrato grande interesse per l’evento veronese.

Al-Sultan parteciperà inoltre al triathlon di Ingolstadt (Germania) del 10 giugno, gara di casa da lui vinta più volte, compresa l’ultima edizione del 2011, una competizione che quest’anno è gemellata proprio con il Triathlon Internazionale di Bardolino del prossimo giugno.

In attesa della conferma di Faris al-Sultan, più di 800 triatleti si sono già prenotati alla rassegna veronese, un numero importante che supera di gran lunga le proiezioni del medesimo periodo 2011, un altro sintomo di espansione crescente è l’iscrizione di 250 “nuovi arrivi” per il Triathlon Internazionale, cioè atleti alla loro prima volta a Bardolino. Tra i partecipanti figurano anche alcuni nomi di spicco della disciplina, come i giovani Giulio Molinari e Rodolphe von Berg, il dato che colpisce parecchio è poi la forte adesione dall’estero con 11 Paesi rappresentati.

Casadei01Tra i tanti sport di fatica il triathlon è senza dubbio uno dei più selettivi ed impegnativi, oltre alla prestanza del nuotatore sono richiesti scatti da velocista sui pedali ed abilità da corridore, un identikit per autentici fuoriclasse. La personale interpretazione di fatica del Triathlon Internazionale di Bardolino è quella classica della distanza olimpica, il prossimo 16 giugno verranno proposti 1,5 km a nuoto nelle acque del Lago di Garda, 40 km in bici nell’entroterra veronese e infine 10 km di corsa sul lungolago.

Le iscrizioni per la 29^ edizione sono in corsa fino al 12 giugno e, entro il 31 maggio, sarà possibile approfittare della quota ridotta di 50 Euro, mentre dal 1° giugno verrà aumentata a 60 Euro.

Il Triathlon di Bardolino è promosso dal Comune di Bardolino, con il supporto della Regione Veneto e della Provincia di Verona, l’organizzazione è affidata a Dante Armanini e al GS Bardolino Triathlon, il tutto sotto l’egida della Federazione Italiana Triathlon.

Info: www.triathlonbardolino.it

 

Condividi post
Repost0

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Archivi

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche