Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
14 settembre 2013 6 14 /09 /settembre /2013 08:45
Delitto-alle-olimpiadi.jpg(Maurizio Crispi) Un paio di mesi fa ho scoperto casualmente in libreria il volume con la terza indagine del Commissario Igor Attila (Paolo Foschi, Il Killer delle Maratone, 2013), l'ho letto con enorme piacere e mi sono subito procurato le prime due "avventure" del Commissario, di nobili origini russe nonché ex-olimpionico a Seul.
"Delitto alle Olimpiadi. Un'indagine del Commissario Attila" (Edizioni e/o 2012) introduce il commissario Igor e la sua squadra (la "Sezione Crimini Sportivi" della Polizia di Roma) che, dopo un lungo periodo di inattività viene coinvolta in una prima indagine delicata e presto dai risvolti internazionali. 
Da Roma, infatti, il Commissario dovrà spostarsi a Londra dove sono in corso i Giochi Olimpici per tenere d'occhio alcuni sospettati dell'omicidio della bella ostacolista azzurra Marinella Paris trovata uccisa a colpi di spranga sul lido di Ostia.
La squadra del Commissario Attila è composta da diversi bizzarri personaggi ciascuno dei quali, tuttavia, per esperienze vissute possiede delle specifiche competenze in diversi campi dei crimini sportivi e ciascuno di essi, pertanto, può fornire un contributo originale e fondamentale al dipanarsi delle indagini che procedono con un loro ritmo, mentre i vertici della Polizia e della Questura dopo aver richiesto di procedere con diplomazia per non alterare il clima di serenità pre-olimpico, da un certo momento in poi vogliono che una testa cada e che, anche con clamore mediatico, un arresto sia compiuto.
Il Commissario procede lungo la sua strada, stritolato da opposte tensioni, mentre - nello stesso tempo - è tormentato da una storia d'amore appena conclusa e dai fantasmi del suo passato di boxeur olimpico che, a causa della corruzione coreana, 25 anni prima, aveva sfiorato l'oro olimpico e lo aveva poi perso, perché a tavolino era stato deciso che dovesse vincere un  Coreano.
Anche questo romanzo di Foschi è un poliziesco classico, scritto - bene anche se in maniera leggera - e dimostra una conoscenza profonda da parte dell'autore del mondo sportivo e delle sue "debolezze" e criticità: in questo romanzo, si potrà anche ritrovare un'interessante incursione nel mondo del Doping e delle scommesse clandestine e, qua e là. qualche flash su temi sociali (come ad esempio nella sequenza in cui il Commissario viene coinvolto nella protesta degli abitanti della piccola borgata marinara di Ostia sfrattati in nome della speculazione edilizia) o su eventi attuali (come accade con la pittoresca e colorata descrizione della Londra dei Giochi Olimpici 2012). 
E' la lettura adatta per un giorno di vacanza e di relax, magari proprio dopo una fatica sportiva.
(Un commento di ElisaB. su IBS del 04-05-2013) "Delitto alle Olimpiadi" è la prima prova letteraria dell'autore Paolo Foschi, una prima prova piuttosto buona e con un'idea del tutto originale alla base: la squadra della Sezione crimini sportivi della Questura di Roma, costituita da un gruppo di ex-atleti tutti con alle spalle qualche "fallimento" sportivo. Una squadra eterogenea in cui ogni membro ha una sua peculiarità, che si dimostrerà molto utile nello svolgimento delle indagini sull'omicidio di un'atleta olimpica. La Sezione è guidata dal commissario Igor Attila, ex-pugile medaglia d'argento alle Olimpiadi di Seul, il quale mostra all'apparenza una personalità burbera e insofferente, ma che si rivela -  nel corso della lettura - un uomo molto sensibile e romantico, ferito dalle ingiustizie subite e da un amore complicato e che deve, inoltre, sottostare alle angherie dei propri superiori. E' un commissario non solo amante dello sport pulito, ma un vero intenditore in fatto di musica, elemento che lo accompagna durante tutta l'inchiesta. Con gli occhi del commissario Igor Attila, l'autore ci porta non solo a seguire l'indagine per l'omicidio dell'ostacolista Marinella Paris fra palestre, centri sportivi e le imminenti Olimpiadi di Londra, ma ci mostra anche molte delle contraddizioni e degli scempi che vengono portati avanti nel nostro Paese, come gli abusi edilizi, o gli aspetti più negativi dello sport, come ad esempio il doping e le scommesse illegali. E' un libro piacevole, ben scritto e facile da leggere, non soltanto per il genere che cattura l'attenzione, bensì perché si rivela tutt'altro che noioso o lento e in questo l'autore è facilitato dalla sua professione di giornalista, che gli consente di dare al racconto un bel ritmo, ma anche da una sua verve ironica che trasferisce nella storia e nei diversi personaggi. Igor Attila non un eroe, ma un uomo come tanti che nella vita affrontano ogni giorno il mondo del lavoro, le amicizie e i rapporti con i capi a testa alta e per questo piace. Come i commissari Montalbano e Manara!
(Dalla 4^ di copertina) Giovane, bella e famosa. L'ostacolista Marinella Paris è la stella della squadra azzurra di atletica per le Olimpiadi di Londra. Alla vigilia della partenza per l'Inghilterra viene trovata morta, nuda e con la testa spaccata, sulla spiaggia di Ostia, dove la nazionale è in ritiro per rifinire la preparazione. Non ci sono sospettati. Non si trova l'arma del delitto. L'unico indizio è un misterioso flacone di pillole bianche scoperto nella camera dell'atleta. L'inchiesta viene affidata al commissario Igor Attila, ex pugile a sua volta medaglia d'argento alle Olimpiadi di Seul del 1988, che vive sospeso fra la frustrazione per il mancato oro e le speranze legate alla travagliata storia d'amore con In Titta. Igor Attila, discendente dell'ultimo zar di Russia, è un poliziotto burbero e romantico che sfoga la rabbia prendendo a pugni il sacco da boxe appeso in ufficio. Guida la Sezione crimini sportivi della questura di Roma, composta da quattro agenti con fallimentari trascorsi da atleti alle spalle.


Nota biografica sull'autore. Paolo Foschi 
è un grande appassionato di nuoto  e nuotatore master con il Flaminio Sporting Club di Roma, felicemente sposato con Maria Teresa, collega anche lei, e padre felicissimo di Viola. La passione per lo sport per Foschi è di antica data: egli è infatti diplomato all’ISEF.
Svolge attività giornalistiche. 
Igor Attila è stato protagonista di un'altra indagine poliziesca (oltre alle due citate qui), in "Il Castigo di Attila", sempre pubblicatoda e/o.
Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche