Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
13 settembre 2018 4 13 /09 /settembre /2018 09:03
Pronti alla partenza!!!

Pronti alla partenza!!!

Monica Casiraghi alla 100 km del Vulcano 2018

Il 9 settembre 2018 si è svolta la terza edizione della Etna Extreme  100 km del Vulcano: anche in questa edizione, sono stati Monica Casiraghi ed Enzo Taranto a primeggiare. Monica Casiraghi, oltre ad essere la vincitrice della gara femminile, si è classificata 5^ assoluta.

I due vincitori sono arrivati a Bronte con gli stessi obiettivi e li hanno centrati in pieno: ed è stata anche una vittoria con record della gara per ambedue gli atleti che, dopo aver vinto nel 2017, sono riusciti a entrare nella storia abbassando ambedue il proprio miglior tempo, di una cinquantina di minuti Enzo Taranto, e di quasi un’ora e un quarto Monica Casiraghi, fermando il cronometro rispettivamente a 10h16’10” e 11h57’28”.
Mentre la fortissima primatista italiana e campionessa mondiale nel 2003 ha avuto gioco facile, il siciliano, per vincere, ha messo in campo tutta la sua saggezza tattica gestendo gli avversari con grande freddezza e staccando al termine della corsa di circa 20 minuti Santo Monaco, già vincitore nel 2016  (prima edizione) e detentore della migliore prestazione maschile della gara.
In terza posizione l’atleta marsalese Michele D’Errico.

Una corsa durissima ma ancor più affascinante”- ha dichiarato Monica Casiraghi -“trovo irresistibile l’idea di correre l’intero giro intorno all’Etna in ambienti unici e meravigliosi. Questa è senza dubbio una delle 100 km più belle che abbia mai corso”.

Il percorso, che attraversa il territorio di tutti i comuni che lambiscono il cratere sommitale, accumula oltre 2.400 metri di dislivello positivo arrivando fino ai 1900 metri di quota di Rifugio Sapienza, attraversando colate laviche e pendii fitti boschi, con sempre sullo sfondo il cratere fumante di sua maestà l’Etna.

L’evento, organizzato da Etna Free Sport & Emotion in collaborazione con ASD Ecotrail Sicilia, col patrocinio del Comune di Bronte, è anche un’occasione per una vacanza con la famiglia grazie alle visite guidate e alle altre attività che, gestite dalla Pro Loco cittadina, si svolgono in concomitanza.

Il prossimo appuntamento è per l’8 settembre 2019.

Le classifiche complete sono pubblicate sul sito www.100delvulcano.com

Etna Extreme. 100 km del Vulcano 2018 (3^ ed.). 100 km del Vulcano ancora nel segno di Monica Casiraghi ed Enzo Taranto

Condividi post

Repost0
5 settembre 2018 3 05 /09 /settembre /2018 11:00
I vincitori dell'edizione 2017

I vincitori dell'edizione 2017

Il 9 settembre 2018, prenderà il via alle ore 00.00 (cioè, alla mezzanotte del giorno 8) la terza ezione della Etna Extreme - 100 km del Vulcano che porterà i runner in un affascinante percorso di 100 km a compiere, con continui saliscendi, l'intero periplo dell'Etna, con partenza/arrivo a Bronte (CT)
Per via dello sviluppo altimetrico complessivo la manifestazione sulla classica distanza dei 100 km merita pienamente l'appellativo di "Extreme": non è solo la distanza a rappresentare qui il cimento per gli atleti partecipanti, ma anche la complessiva altimetria positiva.
La manifestazione è organizzata dalla Associazione Etna Freesport & Emotion e da ASD Ecotrail Sicilia.

Nel quadro della manifestazione si svolgeranno due diverse competizioni agonistiche: l'Etna Extreme sulla distanza  di 100 km (D+/- 2.450 m) e la 50 km dell’Etna sulla distanza di 50 km (D+/- 1.600 m), quest'ultima in linea con partenza dal Comune di Milo e arrivo a Bronte. Si aggiunge al palisesto della manifestazione, anche una gara relay  la "10X10km Staffetta del Cuore".

I percorsi sono quasi interamente su asfalto, con alcuni tratti di basolato.
Tra i partecipanti eccellenti, si segnala la partecipazione di Monica Casiraghi, già vincitrice dell'edizione 2017, oltre ad alcuni runners che presenti sin dalla prima edizione, sin da ora godono dell'appellativo di "senatori" della manifestazione.

Monica Casiraghi, vincitrice della Etna Extreme 2017

(Dal regolamento) Si ha l’obbligo, per salvaguardare la propria incolumità, di non allontanarsi dal percorso. Il concorrente che si allontana dalle strade segnalate, non è più sotto la responsabilità dell’Organizzazione. I chilometri sono segnati ogni 5 km. I concorrenti dovranno rispettare rigorosamente il percorso di gara segnalato evitando di prendere scorciatoie o tagliare tratti del tracciato. L’allontanamento dal percorso ufficiale, oltre a comportare sanzioni, avverrà ad esclusivo rischio e pericolo del concorrente.

Le prove si svolgeranno con qualsiasi condizione meteorologica che non metta a grave rischio l’incolumità dei partecipanti.

Il programma orario potrà subire, in base a situazioni contingenti, delle variazioni che saranno comunicate al briefing.

I concorrenti hanno l’obbligo di prestare eventuale soccorso ai partecipanti in difficoltà.

Il pettorale deve essere portato sul petto o sul ventre ed essere sempre ed interamente visibile nella sua totalità durante tutta la corsa. Deve essere quindi posizionato sopra tutti gli indumenti ed in nessun caso fissato sul sacco o su una gamba. Gli sponsor non devono essere né modificati, né nascosti.

È proibito farsi accompagnare sul percorso da una persona che non sia regolarmente iscritta.

Non è consentito, per ragioni di sicurezza, l’uso di cuffie per l’ascolto di i-pod o dispositivi simili.

Il tracciato in gran parte non sarà chiuso al traffico veicolare, i concorrenti sono tenuti al rispetto del codice della strada.

Enzo Taranto, vincitore dell'edizione 2018 della Etna Extreme

In caso di abbandono della corsa lungo il percorso, il concorrente è obbligato a comunicare il proprio abbandono facendosi registrare come ritirato al posto di controllo più vicino; l’organizzazione si farà carico del suo rientro dal posto di controllo stesso all’arrivo.

Ogni concorrente rinuncia espressamente ad avvalersi dei diritti all’immagine durante le prove così come rinuncia a qualsiasi ricorso contro l’organizzazione, ed i suoi partner abilitati, per l’utilizzo fatto della sua immagine.

Per quanto attiene la partecipazione
Agonisti: possono iscriversi tutti gli atleti in regola con il tesseramento con la FIDAL per gli enti di promozione sportiva convenzionati CONI. In ogni caso è obbligatorio essere muniti di certificato medico per attività agonistica. Gli atleti non tesserati possono partecipare facendo richiesta di tesseramento per l’ACSI e presentando copia del documento, del codice fiscale e del certificato medico per attività sportiva agonistica.

Non Agonisti: la partecipazione è aperta ai tesserati per gli enti di promozione sportiva convenzionati CONI. I non tesserati possono partecipare facendo richiesta di tesseramento per l’ACSI e presentando copia del documento, del codice fiscale e certificato di sana e robusta costituzione.

 

 

Programma della manifestazione

Sabato 8 settembre (Bronte – Piazza Spedalieri):

  • ore 15:00 visita guidata ai monumenti di Bronte
  • ore 16:00 consegna pettorali
  • ore 19:00 presentazione della manifestazione e del territorio
  • ore 20:00 pasta Party

Domenica 9 settembre (Bronte – Piazza Spedalieri):

  • ore 00:00 partenza ETNA EXTREME – 100 KM DEL VULCANO
  • ore 00:00 partenza STAFFETTA DEL CUORE
  • ore 09:00 arrivo primi concorrenti ETNA EXTREME – 100 KM DEL VULCANO
  • ore 09:00 Milo: partenza 50 KM DEL VULCANO
  • ore 10:00 visita guidata ai monumenti di Bronte
  • ore 12:00 pasta party
  • ore 12:30 arrivo primi concorrenti 50 KM DEL VULCANO
  • ore 16:00 premiazioni
  • ore 20:00 arrivo ultimi concorrenti ETNA EXTREME – 100 KM DEL VULCANO

 

Il percorso di gara

Il percorso di gara

Locandina dell'edizione 2018 della Etna Extreme 100 km del Vulcano

(Comunicato stampa pre-gara) Monica Casiraghi ed Enzo Taranto cercano il bis

I vincitori della 100 km dell’anno scorso provano a ripetere la vittoria presentandosi ai nastri di partenza della terza edizione. Mentre sembra potere aver gioco facile Monica Casiraghi, Enzo Taranto dovrà vedersela col forte atleta lombardo Luca Morstabilini, e col vincitore della prima edizione, Santo Monaco che è anche il detentore del record della gara.
Atleti provenienti da tutta Italia si confronteranno il prossimo 9 settembre su un  percorso che, per fascino, non ha nulla da invidiare a nessun’altra gara del genere a livello planetario e che, partendo da Bronte, vi fa ritorno dopo aver fatto tutto il giro attorno al vulcano attivo più alto d’Europa accumulando circa 2.300 metri di dislivello positivo. Verranno toccati i comuni di Maletto, Randazzo, Linguaglossa, Sant’Alfio, Milo, Zafferana, Nicolosi, Belpasso, Paternò, Santa Maria di Licodia e Adrano. Un viaggio che porterà i concorrenti fino a quota 1900 metri al passaggio del Rifugio Sapienza attraversando colate laviche e fitti boschi, con sempre sullo sfondo il cratere fumante di sua maestà l’Etna.

Ci sarà la possibilità di prendere parte anche alla 50 km, con partenza da Milo e arrivo a Bronte.

L’evento è realizzato col patrocinio del Comune di Bronte.

Tutti i dettagli sul sito www.100kmdelvulcano.com.

Info: +39 392 6393631 – info@100delvulcano.com

 

Etna Extreme. 100 km del Vulcano 2018 (3^ ed.). Va il conto alla rovescia per la terza edizione. Allo start Monica Casiraghi
La locandina dell'edizione 2018

La locandina dell'edizione 2018

Condividi post

Repost0
10 dicembre 2017 7 10 /12 /dicembre /2017 18:53
E’ andata in archivio la prima edizione della 6 ore di Mondello che, promossa dalla ASD Palermo Running, ha avuto luogo sul lungomare di Mondello Valdesi l’8 dicembre 2017. La manifestazione si è svolta con il favore di condizioni meteo ottimali e ha visto un grande successo di partecipanti, essendosi registrata la presenza di numerosi podisti provenienti da altre regioni italiane. Previste nel palinsesto dell’evento, anche delle gare a staffetta (3x2h e 2x3h), con squadre sia unisex, sia miste. E, inoltre, ha avuto luogo una staffetta 6x1h, in cui atleti del Parkrun Uditore si sono confrontati con quelli che frequentano il Parkrun Favorita. Tra tutti gli atleti sono stati presenti sul campo di gara oltre 150 atleti. Ottima l’organizzazione, per la quale il comitato organizzatore si è avvalso dei preziosi consigli di Cinzia Sonsogno che già da tre anni ha promosso con successo la 6 ore di Capo d’Orlando (tra l’altro, presente in veste di speaker e animatrice). La 6 ore di Mondello era altresì valida come prova conclusiva del Challenge siciliano di ultramaratona su strada. Massimo Buccafusca palermitano tesserato per il club Atletica Partinico ha vinto e con merito questa prima edizione. Al femminile vittoria netta e mai messa in discussione per la signora delle Ultra Lara La Pera fresca vincitrice - tra l’altro - della 100 km del Val di Noto. E' stata indubbiamente una splendida giornata di sport, baciata dal sole per l’evento, coraggiosamente organizzato dall'ASD Palermo Running, guidato dal suo presidente Danilo Girgenti.
La gara ha preso il via poco dopo le 10.00 dall’Antico Stabilimento dei Bagni - ex Charleston-, su un anello in asfalto completamente piatto di due chilometri, con direzione circolo Albaria, sempre in vista del mare. Poi 6 ore di corsa, sfida da gestire con il corpo ma anche con la mente. Buccafusca ha fatto sua la gara grazie ad un’andatura costante, regolare senza strappi, riuscendo ad accumulare un distacco, diventato alla lunga incolmabile per il suo diretto avversario, il forte livornese Marco Lombardi (Libertas Runners Livorno) giunto secondo e che ha, chilometro dopo chilometro, risentito le fatiche della Sorrento-Positano, cioè la “Coast to Coast", ultramaratona di 54 chilometri da lui conclusa con un terzo posto assoluto appena appena cinque giorni prima dell'appuntamento con questa 6 ore. Terza piazza per lo svizzero, palermitano, di nascita Benedetto Patti tesserato per la GS Atletica Mazara.
Prova maiuscola per Lara La Pera sempre in testa e attenta a tenere a debita distanza la compagna di squadra Angelita Bonanno autrice di una eccellente prova. Terza la rivelazione di questa stagione agonistica la parchitana Maria Giangreco del Marathon Altofonte. 64 gli atleti che hanno concluso la gara individuale, alcuni arrivati da oltre lo Stretto come Toscana e Lombardia. Spettacolo con le staffette, 3x2 ore e 2x3 ore, uomini e miste. Gara nella gara (con una velocissima 6x1 ora) la sfida tra i podisti del parkrun Favorita e quelli dell’Uditore con i primi che hanno prevalso sui secondi. Anche a Palermo così come avviene ormai in altri “campi” di gara siciliani Vito Massimo Catania, ha spinto per 6 ore sul lungomare di Mondello la carrozzina della sua compagna di viaggio Giusi La Loggia, affetta da sindrome atassica. Loro obiettivo era quello di superare in questa ultima prova in tandem per il 2017 i 300 km percorsi in gara, con Vito Massimo Catania nel ruolo di generoso “spingitore”. Un modo sensibilizzare e promuovere la ricerca scientifica sulle atassie, malattie genetiche rare delle quali in Italia sono affette circa 5.000 persone. E il loro obiettivo è stato ampiamente superato con oltre 63 km percorsi.
Classifica finale Uomini (Km in 6 ore)
  1. Massimo Buccafusca (Atletica Partinico) 82.001
  2. Marco Lombardi (Atletica Libertas Runners Livorno) 80.456
  3. Benedetto Patti (G.S Atletica Mazara) 73.698
  4. Giuseppe Lo Iacono (Valle dei Templi AG) 72.633
  5. Francesco Cesare (Marathon Misilmeri) 71.168
Classifica finale Donne (Km in 6 ore)
  1. Lara La Pera (Marathon Misilmeri) 66.231
  2. Angelita Bonanno (Marathon Misilmeri) 62.010
  3. Maria Giangreco (Marathon Altofonte) 59.862
  4. Rita Carrotta (Marathon Misilmeri) 59.782
  5. Maria Collovà (Palermo Running) 58.430

Ed ecco di seguito, le impressioni di "SuperElena" Cifali, runner e ultramaratoneta siciliana, ormai quasi decana delle prove di Ultra su strada, dopo il suo primo esordio alla 100 km del Passatore.
Ha partecipato con piena soddisfazione e con il consueto entusiasmo alla 6 ore di Mondello, onorandola con la sua presenza.
​​​​​​​Quello che potete leggere è un racconto che reca il sigillo - come sempre - della sua forte cifra personale.

6 ore di Mondello
È dura la vita degli ultramaratoneti, non possono permettersi il lusso di correre meno di 42,195 km per volta, sennò che gusto c'è?
Scrivo questa nota con notevole ritardo, ma la gara di ieri a Mondello è stata un sunto di eventi ed emozioni talmente fitti che trovare il tempo per scrivere è stato arduo.
Per me, la 57^ maratona, corsa in un contesto senza ombra di dubbio fantastico, per tanti motivi.
Innanzitutto, ho avuto al fianco il mio compagno di vita che non manca mai di stupirmi e rendermi tutto più amplificato, più bello che mai.
Non è semplice trovare le parole adatte per descrivere la magnificenza con cui è stata organizzata questa gara dagli amici Danilo Girgenti e Pierluca Prestigiacomo. A Mondello ogni dettaglio è stato curato con maniacale attenzione, ogni cosa al suo posto e un posto per ogni cosa.
Ho corso tante gare, ma sicuramente quella di Mondello la ricorderò per sempre per il suo mare spettacolare, per lo stabilimento Charleston dove per la prima volta da quando corro ho trovato bagni pulitissimi e con acqua calda, per l'accoglienza degli amici che diventano ogni volta affetti insostituibili.
Ho riabbracciato Cinzia Sonsogno (mia sorella acquisita), e Cinzia Scivoletto che mi stupisce con un bellissimo cuore di stoffa, primo regalo di questo Natale e che sarà anche il primo addobbo della mia nuova casa. E poi gli amici "particolari" come Michelangelo Guida, come Vito Massimo Catania e Giusy La Loggia Colombo, come Maurizio Crispi e Maureen Simpson, come i vari Giuseppe e i tanti Salvatore, i campionissimi Massimo Buccafusca, Marco Lombardi Santo Monaco e Lara La Pera, e Maria Carmela Zagarrigo e Melissa Lionti e tutti gli altri che non riesco a nominare qui. Ognuno di loro ha una storia da dividere con me, come la storia di amicizia, stima e affetto che condivido con i miei inseparabili Eleonora Suizzo e Dino Margiotta, gli amici di tutti gli allenamenti, quelli di tutti i giorni, quelli che occupano un posto di primo piano nello scorrere delle giornate.
La 6 ore di Mondello è stata una pagina intensa di quel libro di maratone che scrivo settimana dopo settimana. Dovevo concluderla a tutti i costi, anche accontentandomi di arrivare solo alla maratona. Purtroppo già dalla seconda ora una serie di problemi intestinali e di coliche mi hanno costretta camminare, a tratti non riuscivo a stare dritta tanto forte era il dolore. E tanto più forte era il dolore tanto più montava la rabbia per non poter concludere come avrei potuto e voluto.
Ma è nel momento del bisogno che le persone si distinguono, ed io oggi ho la certezza di essere amata da uomo che non ha esitato a rinunciare alla propria gara, nonostante fosse terzo assoluto tra gli atleti, per starmi accanto, per camminare insieme a me, per tenermi per mano quando le fitte si facevano più violente. In amore non si dovrebbe avere bisogno di prove, ma quando queste arrivano è sempre una sorpresa.
La mia minivacanza a Palermo si conclude con un bilancio nettamente in attivo, con uno spettacolare tiramisù preparato con cura ed affetto dall'amica Daniela Peta (lo dico sempre io che chi è ricco di amici è povero di guai, in questo caso anche di fame).
Poi, nonostante il ristoro post-gara gustoso ed impeccabile, un ottimo "panino ca meusa" ha chiuso la giornata prima di un pesante sonno ristoratore.
Stamattina il conto e il bilancio di una una gara organizzata per passione, sentita nello stomaco e nel cuore da chi le cose le fa bene, la stretta di mano degli amici, la gioia che leggo negli occhi di Danilo sono il più bel premio che potessi ricevere da questo fine anno podistico.
La corsa non è per tutti, la corsa è per quelli come noi: pazzi fino all'inverosimile ma veri e pronti a tutto!
Ho un conto in sospeso con Mondello e state certi che il prossimo anno verrò a saldarlo!
Arrivederci amici palermitani siete uno spettacolo come pochi!

Elena Cifali (dal suo profilo Facebook)

Condividi post

Repost0
6 dicembre 2017 3 06 /12 /dicembre /2017 13:31
E' stata presentata nel pomeriggio del 5 dicembre 2017, a Palermo, presso la sala convegni della ex Real Fonderia Oretea alla Cala, la prima edizione della 6 Ore di Mondello, in programma venerdì prossimo 8 dicembre nella splendida borgata marinara del capoluogo siciliano.
Dopo la consolidata 6 ore di Capo d'Orlando questa manifestazione diventerà sicuramenteun ulteriore tassello nello sviluppo della cultura dell'Ultramaratona su strada in Sicilia.
Come è ben noto la 6 ore su strada è un ottimo banco di prova di prova per tutti coloro che, affacciandosi al mondo delle Ultramaratone desiderino cimentarsi nelle più impegnative 100 km e 24 ore su strada.
L’ultramaratona, organizzata dall'ASD Palermo Running, è valida come tappa del Calendario Nazionale del Grand Prix IUTA “6 Ore”. Sono circa 140 (tra individuale e staffette) gli atleti iscritti alla gara, che prenderà il via alle ore 10, dallo stabilimento ex Charleston, su un anello in asfalto completamente piatto di due chilometri, con direzione circolo Albaria. Ricca e di qualità la start list della gara individuale, a cominciare dal toscano Marco Lombardi già vincitore in terra di Sicilia in occasione della 2a edizione della 6 Ore di Capo d’Orlando e terzo assoluto, domenica scorsa, alla Coast to Coast Sorrento - Positano, ultramaratona di 54 chilometri. In gara anche il palermitano Massimo Buccafusca, vincitore della terza edizione della 6 Ore di Capo d’Orlando e secondo alla 100 km del Val di Noto e Boris Bakmaz leggenda vivente delle “ultra”, suo nel 1987 il successo nella Supermaratona dei Nuraghi (254 km), per tre volte sul gradino più alto del podio della 100 km Torino - Sain Vincent. Al femminile spicca la presenza di Lara La Pera, trionfatrice a fine giugno alla 6 ore di Capo d’Orlando e di recente alla 100 km del Val di Noto. Tra gli stakanovisti delle ultra anche Elena Cifali un curriculum con oltre 50 tra maratone e lunghe distanze e cinque partecipazioni al Passatore, Salvo Piccione, Vincenzo Pecunia, Santo Monaco e Francesco Cesare. A Mondello arriveranno atleti da ogni parte della Sicilia, la Toscana la regione d’oltre Stretto più rappresentata; ma la 6 Ore di Mondello non sarà solo una sfida individuale, in gara ci saranno anche le staffette: 14 i team che si sfideranno nella 3x2 ore, mentre saranno ben 8 quelli che affronteranno la più temibile 2x3 ore…lo spettacolo nello spettacolo. Hanno preso parte alla presentazione, tra gli altri, Pino Giordano (consigliere regionale della Fidal Sicilia), Totò Gebbia patron della maratona di Palermo, Ferruccio Bono fiduciario provinciale dei giudici palermitani e Max Buccafusca tra i protagonisti della gara individuale
Le dichiarazioni:
Danilo Girgenti (presidente Palermo Running): “Ce l’abbiamo fatta. Quello che all’inizio sembrava un sogno adesso è realtà. Non immaginavo fosse così difficile organizzare una manifestazione del genere, una gara da serie A. Abbiamo il percorso certificato, le migliori professionalità ognuna nel suo ruolo. Devo ringraziare su tutti Sergio Sparacio (dell’uffio sport del Comune di Palermo n.d.r.), Nadia Spallitta e il corpo della Polizia Municipale, ma la lista è lunga. Unica nota stonata, la scarsa partecipazione di atleti di compagini palermitane, di contro a Mondello giungeranno atleti da tutta la Sicilia, ma anche da oltre Stretto, come la Toscana. Venerdì prossimo sono sicuro sarà una festa e anche il meteo farà la sua parte si preannuncia infatti una giornata di sol

Pierluca Prestigiacomo:A me il compito di ringraziare gli sponsor, gli amici che ci sono stati vicini, senza di loro, e non è la classica frase retorica, non avremmo realizzato questo che per me è un sogno. Adesso si corre ed è la cosa più importante. Un ultimo ringraziamento a Cinzia Sonsogno (consigliere regionale della Fidal Sicilia e organizzatrice della 6 Ore di Capo d’Orlando. E’ stata lei che ci ha messo in testa questa idea meravigliosa e che ci ha supportato lungo il cammino che ci ha portato fino alla vigilia della manifestazione”. 

 

Il parkrun corre la 6 Ore. Grande sfida nella sfida sarà quella che vedrà contrapposti i Parkrun Uditore e Favorita, che presenteranno due squadre composte da sei atleti ciascuna, ognuno dei quali dovrà correre per un’ora.  Nella staffetta “Uditore” da segnalare la presenza dell’emiliana Federica Proietti della Calcestruzzi Corradini la stessa società per la quale gareggiava Stefanno Baldini. La Proietti, parkrunner per passione, vanta un personale di 1h16’17 in mezza maratona (Fucecchio 2016) e di 2h53’20 in maratona (Valencia 2015); nella “Favorita” Tobias Gramajo (Calcestruzzi Corradini) 2h45’56 alla Lucca Marathon dello scorso anno.

 

Condividi post

Repost0
12 settembre 2017 2 12 /09 /settembre /2017 20:44
Enzo Taranto e Monica Casiraghi i vincitori della Etna Extreme 100 km dell'Etna. Massimo Buccafusca e Laura Emmi primi nella 50 km

Enzo Taranto e Monica Casiraghi i vincitori della Etna Extreme 100 km dell'Etna. Massimo Buccafusca e Laura Emmi primi nella 50 km

Il 10 settembre 2017 (lo start è stato dato alla mezzanotte del 9) si è corsa la 2^ edizione della "Etna Extreme 100 km del Vulcano", organizzata da Aldo Siragusa (ASD Sportaction) e da Rosario Verona. Prevista nel palinsesto dell'evento, anche una 50 km (50 km del Vulcano) con partenza da Milo alle ore 9.00 del 10 settembre). 17 gli iscritti per la distanza lunga, mentre sono stati 26 quelli che si erano iscritti alla 50 km, molti dei quali hanno voluto affrontare la distanza più breve come test in vista della 100 km della Val di Noto, il prossimo 5 novembre, alla sua prima edizione.
Enzo Taranto, vincitore della edizione 2017 della Etna Extreme 100 km del Vulcano
Il percorso richiederà in futuro qualche ulteriore ritocco poiché - come ha precisato Aldo Siragusa - la distanza effettiva è, allo stato, attuale di 101,500 km.
Il dislivello altimetrico positivo, invece, risulta di oltre 2000 metri slm. Questo elemento, assieme alle difficoltà del percorso che annovera, oltre all'asfalto (predominante), un passaggio di circa 6 km di sterrato e circa 3 km di basolato granitico prima dei fatidici ultimi 3 chilometri, fanno di questa 100 - nel panorama italiano - sicuramente una delle più estreme, ma nello stesso unica e spettacolare, poiché si circumnaviga il cono dell'Etna che è - come è noto - il vulcano attivo più alto d'Europa. Ampio consenso da parte degli atleti partecipanti, tra i quali la più volte azzurra di ultra Monica Casiraghi che, testimonial di eccellenza, è rimasta letteralmente entusiasta del percorso.
Per quanto riguarda la logistica per tutta la durata della gara sono stati predisposti dei ristori itineranti gestiti da componenti dello staff in auto, i quali hanno scelto alcuni atleti "omogenei", quanto a presunta performance (sulla base del curriculum di ultra già compiute) di cui sono divenuti a tutti gli effetti gli "angeli custodi".
Questo tipo di assistenza, già sperimentato nell'edizione precedente, ha funzionato bene e tanto ricorda l'organizzazione logistica delle prime edizioni pionieristiche della Nove Colli Running.
Buone in linea di massima le condizioni meteo, a parte il forte vento subito da alcuni atleti in alcuni tratti del percorso.
Circa mezzora prima della partenza, il forte atleta della ASD Amatori Putignano, Cristoforo Chiapperino, ha comunicato telefonicamente agli organizzatori di non aspettarlo allo start, perché non avrebbe potuto prendere parte alla gara, in quanto costretto a tornare a casa immediatamente, avendo appreso la notizia dell'improvviso decesso del padre.
A Cristoforo Chiapperino, atleta di grande valore - capace di correre la 100 km intorno alle otto ore - e in grado di conquistare un ottimo posto in classifica se non di vincere. rivolgiamo qui le più sentite condoglianze, assieme agli organizzatori e a tutti gli sportivi e atleti.
13 atleti si sono classificati all'arrivo della 100 km. La classifica maschile è stata dominata da Enzo Taranto (M45, ASD No al Doping e alla Droga), finisher con il crono di 11h06'55, seguito da Antonino Pasqualino (M55, Atletica Sicilia) che ha fermato il tempo a 12h27'38 e da Flavio Sortino (M55, ASD No al Doping e alla Droga) in 12h39'40. Tra le donne la prima è stata Monica Casiraghi (F45, Team Cellfood) in 13h11'15 e quarta assoluta, seguita da Claudia Occhipinti (F45, ASD Sportaction) in 15h31'00.
Per la 50 km del Vulcano, invece, si sono registrati 19 finisher. Qui, il primo posto maschile è stato conquistato da Massimo Buccafusca (SM, Club Atletica Partinico) in 3h57'41, seguito da Francesco Cesare (M35, Marathon Misilmeri) in 4h46'20 e da Roberto Magnisi (M35, ASD Marathon Misilmeri) in 5h29'27.
Tra le donne, ha Laura Emmi (F40, Marathon Misilmeri) ha vinto di stretta misura la sodale Lara La Pera (F40) in 5h29'27, seguita con un maggiore distacco dalla compagna di squadra Angelita Bonanno (F35), con il crono di 5h39'58. Le prime tre donne della 50 km sono risultate nella classifica generale rispettivamente terz, quarta e sesta.
Monica Casiraghi, vincitrice della Etna Extreme 100 km del Vulcano 2017
Aldo Siragusa ha così commentato a conclusione dell'evento: Onestamente, ci aspettavamo un numero più alto di partecipanti. Avevamo avuto dei segnali molto positivi che, evidentemente non si sono concretizzati. La partecipazione è aumentata solo nella 50 km mentre è rimasta pressoché uguale al 2016 nella 100.
Rispetto alla riuscita dell’organizzazione ci riteniamo soddisfatti dei giudizi ricevuti, non è mancato nulla dei servizi essenziali da dedicare agli atleti. Purtroppo non riusciamo a coinvolgere veramente il territorio e le istituzioni che, come spesso avviene in Sicilia, non riescono a cogliere l’importanza delle manifestazioni come la nostra nella promozione del territorio e nello sviluppo del turismo sportivo. Gli unici che fino a questo momento stanno investendo veramente sono gli organizzatori che devono lottare per ottimizzare le risorse. Speriamo in futuro di  avere qualcosa in più da investire anche in immagine e visibilità. Riteniamo comunque che la migliore pubblicità la stiano facendo coloro che hanno preso parte all’evento di ieri, i cui commenti stanno rimbalzando sui social. Siamo stati felici di avere avuto anche Monica Casiraghi tra i partecipanti. Abbiamo conosciuto una donna innamorata dello sport e che ne apprezza soprattutto gli aspetti che noi ci sforziamo di promuovere. Ha pubblicato un post sul suo profilo che ci dice tutto su quale sia la spinta che la porta a praticare  questa disciplina. Un grazie particolare va ai volontari per il loro prezioso contributo condito di passione, professionalità e cortesia.

Monica Casiraghi, qualche ora dopo la conclusione della gara, si è così espressa: Ho deciso di correre la 100 km extreme del Etna, perché l'idea di percorrere tutto il perimetro del Etna da Bronte a Bronte mi affascinava... Correre di notte, con la luna piena in questo ambiente, io e la fatica, è stata un esperienza unica, difficile da raccontare...Fino al 50° km ho corso bene, dal 50° a Zafferana, con l'ascesa sino al Rifugio Sapienza 20 km con 1500 mt di dislivello ho faticato; c'era pure un vento terribile...In cima le mie gambe erano dure come due tronchi! Non vi dico come ho affrontato le discese. Grazie a chi ha condiviso questo viaggio...e complimenti agli organizzatori

 
Foto di Maurizio Crispi
Foto di Maurizio Crispi
Foto di Maurizio Crispi
Foto di Maurizio Crispi
Foto di Maurizio Crispi
Foto di Maurizio Crispi

Foto di Maurizio Crispi

La classifica della 100 km del Vulcano

La classifica della 50 km del Vulcano

Condividi post

Repost0
11 settembre 2017 1 11 /09 /settembre /2017 22:06
100 km della Val di Noto 2017

Il 5 novembre 2017 si disputerà la prima edizione della 100 km del Val di Noto, su di un percorso in linea che, partendo da Ragusa Hybla e attraversando i comuni (e le cittadine) di Giarratana, Buccheri, Ferla, Cassaro, Palazzolo Acreide, arriverà a Noto. 
Oltre alla competizione individuale (100 km della Val di Noto “classica”), sarà possibile partecipare alla 100 km della Val di Noto “a staffetta” che prevede la partecipazione di squadre composte da tre elementi.
La gara, che si svolgerà in due territori provinciali (Ragusa e Siracusa) e attraverserà sette comuni, è organizzata dall'ASD “Noto Barocca”, in collaborazione con l'ASD “Palombella Running” e dall'ASD “No al Doping e alla Droga”.

Questo il sito web della società organizzatrice, dove sarà possibile accedere alle iscrizioni online e a tutte le necessarie informazioni.
 

Vai alla pagina facebook dedicata all’evento per avere tutti gli aggiornamenti

Pubblicato su youtube il 10 settembre 2017

Il profilo altimetrico

Il profilo altimetrico

Articolo comparso il 11.09.2017 su la "Sicilia" (Sezione "Siracusa Sport") a firma di Ottavio Gintoli

Articolo comparso il 11.09.2017 su la "Sicilia" (Sezione "Siracusa Sport") a firma di Ottavio Gintoli

Condividi post

Repost0
21 agosto 2017 1 21 /08 /agosto /2017 09:26
Etna Extreme 100 km del Vulcano. Corre il conto alla rovescia.Tutti pazzi per la 100 km del Vulcano!

Corre il conto alla rovescia per la Etna Extreme, ovvero per la 100 km del Vulcano che si svolgerà il prossimo 10 settembre, con partenza alla mezzanotte in punto del sabato 9. 
Nell'attesa della 2^ edizione sono state tante le adesioni.

Sono già tante le adesioni che arrivano da tutta Italia per la seconda edizione dell’Etna Extreme – 100 km del Vulcano che avrà luogo il prossimo 10 settembre.
 

Etna Extreme 100 km del Vulcano 2017 locandina

Dopo la prova generale del 2016, in cui una trentina di atleti hanno partecipato al ritorno di una 100 km su strada in Sicilia (dopo la definitiva chiusura de "La Sicilia... in 100 km", da Trapani a palermo, ideata e portata avanti da Luigi Stella), è previsto un forte incremento di presenze per questa Ultra che si snoda su un percorso che, quanto a fascino, non ha nulla da invidiare a nessun’altra gara del genere in territorio italiano e forse anche a livello planetario. Consapevoli delle potenzialità dell’evento, gli organizzatori  stanno preparando tutto  per offrire ai partecipanti la possibilità di vivere al meglio questa “emozione lunga 100 km attorno al vulcano attivo più alto d’Europa”. 
Perché la corsa, partendo da Bronte, ritornerà al punto di partenza dopo aver condotto i partecipanti ad effettuare un completo periplo dell’Etna passando anche nel territorio di Maletto, Randazzo, Linguaglossa, Sant’Alfio, Milo, Zafferana, Nicolosi, Belpasso, Paternò, Santa Maria di Licodia e Adrano.
Sarà un viaggio che porterà i concorrenti fino a quota 1.900 metri di quota di Rifugio Sapienza attraversando fitti boschi con sempre sullo sfondo il cratere fumante di Sua Maestà l’Etna.
Il percorso si presenta duro con oltre 2.000 metri di dislivello complessivo, ma gli organizzatori sono convinti che questo forte dislivello altimetrico positivo, anziché scoraggiare, sarà uno dei motivi per cui gli ultramaratoneti saranno ancora più motivati a raccogliere una sfida che regalerà loro la soddisfazione di aver portato a termine una prova da raccontare con orgoglio agli colleghi podisti.

Nel contesto dell'evento maggiore, ci sarà la possibilità di prendere parte anche alla 50 km, denominata "50 km del Vulcano" con partenza da Milo e arrivo a Bronte, e alla “Staffetta del Cuore” che, grazie alla sua formula, consente la raccolta di fondi da donare ad associazioni di beneficenza  che - qui è la novità -  saranno scelte dalla squadra partecipante.

L’evento è realizzato col patrocinio del Comune di Bronte.

 

Tutti i dettagli sul sito www.100kmdelvulcano.com.

Info: +39 392 6393631 – info@100delvulcano.com

Il percorso

Il percorso

Il profilo altimetrico

Il profilo altimetrico

Una selezione di immagini dell'edizione 2016
Una selezione di immagini dell'edizione 2016
Una selezione di immagini dell'edizione 2016
Una selezione di immagini dell'edizione 2016
Una selezione di immagini dell'edizione 2016
Una selezione di immagini dell'edizione 2016
Una selezione di immagini dell'edizione 2016

Una selezione di immagini dell'edizione 2016

Condividi post

Repost0
28 maggio 2017 7 28 /05 /maggio /2017 06:31
Giorgio Calcaterra, 12^ vittoria consecutiva! 2° Andrea Zambelli, 3° Hervé Seitz. Sustic, dopo aver guidato la classifica femminile, Nikolina Sustic bissa la vittoria e batte il record femminile. Iscritti 2893, partiti 2705, 2188 arrivati . Sbaragliata per l'ennesima volta la concorrenza: Giorgio Calcaterra ha vinto il suo dodicesimo 'Passatore' consecutivo, tagliando il traguardo in 7h03'54", precedendo di 4'17'' il reggiano Andrea Zambelli. Terzo il francese Hervé Seitz.

Giorgio Calcaterra, 12^ vittoria consecutiva! 2° Andrea Zambelli, 3° Hervé Seitz. Sustic, dopo aver guidato la classifica femminile, Nikolina Sustic bissa la vittoria e batte il record femminile. Iscritti 2893, partiti 2705, 2188 arrivati . Sbaragliata per l'ennesima volta la concorrenza: Giorgio Calcaterra ha vinto il suo dodicesimo 'Passatore' consecutivo, tagliando il traguardo in 7h03'54", precedendo di 4'17'' il reggiano Andrea Zambelli. Terzo il francese Hervé Seitz.

Sbaragliata per l'ennesima volta la concorrenza: Giorgio Calcaterra ha vinto il suo dodicesimo 'Passatore' consecutivo, tagliando il traguardo in 7h03'54", precedendo di 4'17'' il reggiano Andrea Zambelli. Terzo il francese Hervé Seitz. Nikolina Sustic bissa la vittoria e batte il record femminile. Iscritti 2893, partiti 2705, 2188 arrivati. 

La 45^ edizione della 100 km Firenze-Faenza, andata in scena tra il 27 e il 28 maggio 2017, è partita da via de’ Calzaiuoli alle ore La 15.01, con il classico colpo di pistola ‘sparato’ da Andrea Vannucci, assessore allo Sport di Firenze, alla presenza del Presidente della 100 Km del Passatore Giordano Zinzani, del presidente del Consiglio regionale della Toscana Eugenio Giani e dell'assessore allo Sport di Faenza Claudia Zivieri, che subito dopo ha preso anch'ella il via al 45° 'Passatore'.
Dei 2830 iscritti, sono partiti in 2.705 (erano stati 2.655 nel 2016), in testa ai quali si sono lanciati Calcaterra, Denis Capillo, Carlo Agostinetto e il francese Seitz, transitati a Fiesole (km 7,5) in 33'20''. Dopo di loro la croata Nikolina Sustic, a circa un minuto di distacco, seguita da diversi gruppetti, il primo dei quali formato da Andrea Zambelli, Laura Gotti, Marco D'Innocenti, Marija Vrajic, Stefano Velatta, Dominique Herzet, Mirco Gurioli ed Alessio Bozano, transitato con circa due minuti di distacco dal battistrada. A Vetta Le Croci (km 16,5) Calcaterra e Agostinetto sono passati dopo 1h13'36'', precedendo di 6'' Seitz e di circa 2' la Sustic, seguita, nell'arco di pochi minuti, da un gruppetto formato da Zambelli, Gotti, Serasini, D'Innocenti, Velatta, Bozano e Vrajic.
Il podio maschile della 45^ edizione della 100 km del PassatorePer quanto concerne le donne, si è registrata una competitività fenomenale, con ben tre atlete nelle prime dodici posizioni. Dopo Vetta Le Croci, Calcaterra ha allungato sugli avversari, con Capillo entrato in difficoltà. A Borgo San Lorenzo (km 31,5), "re" Giorgio è passato in 2h9'25'', seguito 4' dopo dal rimontante Seitz, da Agostinetto e Zambelli. Sustic precedeva una ravvicinatissima Gotti e, più staccato, un gruppetto con Serasini, D'Innocenti, Bozano e Vrajic.

Poco prima di Ronta, a 3 km da Borgo San Lorenzo, Zambelli ha agganciato e superato Agostinetto.
Al Passo della Colla di Casaglia (km 48) Calcaterra è passato per primo dopo 3 ore e mezza di gara, seguito a 4' circa da Zambelli, a sua volta tallonato da Serasini, Seitz e Agostinetto, distanziati l'un l'altro di 1' circa. Dopo oltre 11' dal transito di "re" Giorgio è passata la Sustic, seguita a 2' dalla rivale Gotti, la quale, in meno di duemila metri, al 50° km ha recuperato il distacco e superato la croata, confermando un incredibile stato di forma.
A Marradi il vantaggio di Calcaterra su Zambelli e Seitz, che aveva superato Serasini lungo la discesa, aumentava.
A San Cassiano è continuato il testa a testa tra Sustic e Gotti, con la croata che ha riguadagnato la testa della corsa, mentre Veronika Jurisic risaliva la china. A Brisighella il vantaggio dell'ultramaratoneta romano su Zambelli era di poco inferiore ai 5' e di oltre 16' su Seitz
Calcaterra ha raggiunto, infine, il traguardo di Faenza, accolto dal caloroso e festante pubblico di piazza del Popolo.

Soltanto allo scadere del tempo massimo regolamentare per percorrere i 100 chilometri che separano Firenze da Faenza, domenica 28 maggio alle ore 11.00, termine ultimo della gara, sarà possibile avere maggiori dati sul numero degli atleti giunti al traguardo: erano stati 2.037 nel 2016.

Le foto dell'arrivo di Giorgio Calcaterra, vincitore della 45^ edizione della Cento km del Passatore, sono state fornite dall'Ufficio Stampa, senza precisare la fonte. Come anche le foto dei due podi, maschile e femminile.
Le foto dell'arrivo di Giorgio Calcaterra, vincitore della 45^ edizione della Cento km del Passatore, sono state fornite dall'Ufficio Stampa, senza precisare la fonte. Come anche le foto dei due podi, maschile e femminile.
Le foto dell'arrivo di Giorgio Calcaterra, vincitore della 45^ edizione della Cento km del Passatore, sono state fornite dall'Ufficio Stampa, senza precisare la fonte. Come anche le foto dei due podi, maschile e femminile.
Le foto dell'arrivo di Giorgio Calcaterra, vincitore della 45^ edizione della Cento km del Passatore, sono state fornite dall'Ufficio Stampa, senza precisare la fonte. Come anche le foto dei due podi, maschile e femminile.
Le foto dell'arrivo di Giorgio Calcaterra, vincitore della 45^ edizione della Cento km del Passatore, sono state fornite dall'Ufficio Stampa, senza precisare la fonte. Come anche le foto dei due podi, maschile e femminile.

Le foto dell'arrivo di Giorgio Calcaterra, vincitore della 45^ edizione della Cento km del Passatore, sono state fornite dall'Ufficio Stampa, senza precisare la fonte. Come anche le foto dei due podi, maschile e femminile.

(dal comunicato stampa finale del 26 maggio 2017) Alle 11.00 di domenica 28 maggio 2017, al traguardo di Faenza erano giunti 2.188 atleti (erano stati 2.047 nel 2016). Tra i decani della corsa, con 44 Passatori effettuati e conclusi, si segnalano il settantaquattrenne Marco Gelli (1811° col tempo di 16h32'59'') e il novantaduenne Walter Fagnani. 1195^ assoluta la decana della corsa Natalina Masiero (35^ partecipazione al 'Passatore'), con il tempo di 14h09'15''. La podista più anziana giunta al traguardo è stata invece Fiorenza Simion Donà, 2161^ (19h25'35'').
Il podio femminile della 45^ edizione della 100 km del PassatorePer quanto concerne i più giovani arrivati, si segnalano il ventenne Luca Seleni (18h40'38'', 2106° assoluto) e Chiara Manzini (compirà 22 anni ad ottobre), 715^ assoluta con il crono di 12h41'17''. Il primo podista faentino ad aver concluso il 'Passatore' 2017 è Antonio Angelino, 42° assoluto con il tempo di 9h11'52'', mentre la prima faentina giunta al traguardo è Elisa Zannoni, 49^ assoluta con il tempo di 9h22'12'', risultando anche la prima podista romagnola ad aver concluso la corsa. Il brisighellese Marco Serasini, giunto 4° al traguardo con il tempo di 7h32'35'', è invece il primo podista romagnolo. Per quanto concerne gli atleti toscani, il primo fiorentino classificato è Lucio De Chigi, con il tempo di 10h56'44'', mentre la prima fiorentina è Palma di Fidio, 310° assoluta (11h16'52''). Primo runner toscano è Marco Lombardi, 13° assoluto con il tempo di 8h12'42''. Tra i gruppi più numerosi giunti all'arrivo troviamo l'Happy Runner Club (Mi), con 30 atleti arrivati, il gruppo Leopodistica (Ra) con 24 runner e, terzo, con 18 podisti giunti al traguardo, l'atletica Leone San Marco Pordenone (Pn). Per quanto concerne il campionato italiano Csen 2017, a vincere è stato Gabriele Moretti dell'atletica Lonato Lem Italia. Dei 26 partenti, ben 24 hanno concluso la corsa entro il tempo massimo. Ricordiamo, infine, che Andrea Zambelli ha ricevuto anche il premio istituito alla memoria di Carlino Mantovani, collaboratore de La Nazione e decano dei giornalisti della 'Cento', scomparso poco più di un mese fa; il riconoscimento è infatti attribuito al 2° classificato assoluto.
La Firenze-Faenza, anche quest'anno denominata "Le vie del Sangiovese", è promossa ed organizzata dall'associazione faentina 100 Km del Passatore insieme all'omonima Società del Passatore, a Uoei, Csen, Admo, Cai e Consorzio Vini di Romagna, ai Comuni di Faenza, Firenze, Fiesole, Borgo San Lorenzo, Marradi e Brisighella, e alle Province di Ravenna e Firenze. La manifestazione ha visto quest'anno la collaborazione dei nuovi partner Bcc Ravennate e Imolese e Banco Fiorentino, oltreché degli ‘storici’ Coop Alleanza 3.0, Natura Nuova, Decathlon, Moreno Motor Company, Friliver e dello sponsor tecnico Saucony.
Il 'Passatore' 2017 ha registrato 2.893 iscritti, di cui 2.705 partenti; oltre 1.112 esordienti, 470 donne e più di 100 atleti provenienti da 31 paesi esteri: Albania, Argentina, Australia, Austria, Belgio, Brasile, Croazia, Ecuador, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, India, Irlanda, Israele, Kazakistan, Olanda, Perù, Polonia, Repubblica Ceca, Repubblica di San Marino, Romania, Russia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, Ucraina, Ungheria e Usa.
Positiva, come di consueto, l’organizzazione e l’assistenza agli atleti, garantita da oltre 500 volontari - davvero encomiabili - di una quarantina di associazioni e gruppi attivi in tutte le località del percorso. Di grande efficacia e puntualità l’assistenza medico-sanitaria, assicurata dal Coordinamento delle Misericordie della Provincia di Firenze (sul versante toscano), dalla Croce Rossa di Faenza e dalla Scuola per operatori sanitari non medici di Faenza (su quello romagnolo). Anche quest'anno non sono stati segnalati problemi di rilievo, così come sul fronte della sicurezza, garantita da Carabinieri, Polizia stradale, Polizia provinciale di Firenze, Polizie municipali di Firenze, Fiesole, Borgo San Lorenzo, Marradi, Brisighella e Faenza, associazione nazionale carabinieri "Cimmarrusti" di Borgo San Lorenzo ed associazioni nazionali carabinieri ed alpini in congedo di Marradi.

Condividi post

Repost0
30 gennaio 2016 6 30 /01 /gennaio /2016 15:12
Nuovo direttivo per la compagine “ASD Giro d’Italia Run”
Nuovo direttivo per la compagine “ASD Giro d’Italia Run”
Nuovo direttivo per la compagine “ASD Giro d’Italia Run”

Giro d'Italia RunlogoL'attività dell'ASD Giro d'Italia Run dopo un 2015 travagliato è ripartita alla grande e sono molte le iniziative che il sodalizio torinese intende realizzare quest'anno, che partiranno il prossimo 6 marzo con Recordando (10 km e 6 ore - per le quali tutte le informazioni sono reperibili sul sito www.giroitaliarun.it-) giunta alla sua 7^ edizione (la gara sulla distanza dei dieci km), mentre sono in via di definizione le date degli altri eventi in programma:

  • 24 ore di Torino (aprile)
  • 100 Km delle Alpi (ottobre)
  • Royal Half Marathon

In ogni caso, la novità più grande è certo rappresentata dal nuovo direttivo, eletto sabato 16 gennaio alla presenza dei soci intervenuti. La nuova compagine sociale è così composta:

  • Marco Antonio Lattaruolo (Presidente)
  • Giovanni Galeandro (Vice Presidente)
  • Giuseppe Cicogna (Tesoriere/Segretario)
  • Michele Bonajuto (Consigliere)
  • Giuseppe Sbriglio (Consigliere)

Condividi post

Repost0
26 gennaio 2016 2 26 /01 /gennaio /2016 07:04
24 ore Tapis Roulant (Treadmill). Il prossimo 30-31 gennaio tentativo di Vito Intini di infrangere l’attuale record
24 ore Tapis Roulant (Treadmill). Il prossimo 30-31 gennaio tentativo di Vito Intini di infrangere l’attuale record

Vito Intini in azione su treadmill

Il 30-31 gennaio 2016, l’ultrarunner Vito Intini, atleta della compagine ASD Amatori Putignano, proverà a battere il Record Mondiale di 24 ore su tapis roulant (Treadmill), attualmente detenuto dall'americano Christopher Bergland con 247,45 Km.

Vito Intini è un veterano dell’Ultramaratona. In un’occasione ha anche indossato la maglia azzurra, come componente del team italiano ai Campionati del Mondo IAU 24 ore su strada che hanno avuto luogo in Polonia (Katowice, 8-9 settembre 2012) e ha già compiuto molte memorabili imprese su Tapis Roulant.

Ora la nuova sfida.

Nello stesso contesto ci sarà Massimo Termite che tenterà di migliorare il record italiano sulla distanza della maratona (ore 19.00), sempre su Tapis Roulant.

L'ora d'inizio della prova di Intini sarà Mezzogiorno del 30 gennaio e la sua prova si concluderà alle ore 12.00 del giorno successivo.

Location dell'evento sarà il Chiostro del Palazzo Comunale di Putignano.

In attesa delle emozioni che sapranno regalarci, un caloroso "In bocca al lupo" agli intraprendeti e valorosi Vito Intini e Massimo Termite

Per gli aggiornamenti si può seguire l’evento su Facebook: World Record attempt - 24 ore tapis roulant

Christopher Bergland, detentore dell'attuale record mondiale 24 ore di corsa su treadmill (tapis roulant)
Christopher Bergland, detentore dell'attuale record mondiale 24 ore di corsa su treadmill (tapis roulant)

Christopher Bergland, detentore dell'attuale record mondiale 24 ore di corsa su treadmill (tapis roulant)

Condividi post

Repost0

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche